Home Anticipazioni

Monti: Obiettivo 2013 e politici nel governo tecnico

CONDIVIDI

Napolitano: Crisi delicatissima – Il Capo dello Stato è tornato a farsi sentire proprio mentre Monti sta continuando le consultazioni per formare il nuovo governo.
In Italia si è aperta una delicatissima e cruciale crisi di governo. Conto che comprenderete come la delicatissima e cruciale crisi di governo apertasi in Italia mi impegni in modo tale da impedirmi di essere questa mattina con voi questa di oggi è comunque un’occasione per rinnovare l’alta considerazione dell’Italia, in quanto Paese ospite del Pam, e del più ampio polo alimentare e agricolo delle Nazioni Unite, per una istituzione come la vostra, che ha saputo conquistarsi un ruolo portante nell’architettura dell’aiuto umanitario internazionale”.

Monti e i politici nel governo – Rammarico di Monti per l’assenza di politici nel suo governo tecnico, dopo il no di Pd e Pdl. Monti infatti, aveva intenzione di garantire una presenza politica nel nuovo governo. Roberto Antonione, ex parlamentare del Pdl ha riportato che “a Monti farebbe piacere che ci fossero politici anche a livello di ministri oltre che di sottosegretari. Ha detto chiaramente che vuole una rappresentanza politica ai massimi livelli nel governo; e quando gli abbiamo chiesto se intendesse a livello di ministri lui ha risposto di sì”.

Salta l’incontro con la Lega – La Lega ha disertato l’incontro con Mario Monti, ma Umberto Bossi ha avuto un colloquio telefonico con il presidente del Consiglio. La Lega si è impegnata ad analizzare caso per caso i provvedimenti e sul voto in Aula, decidere di conseguenza. Un comunicato della Lega Nord recita: “L’on. Umberto Bossi, segretario federale della Lega Nord, non potendo partecipare di persona alle consultazioni del presidente del Consiglio incaricato, per la già programmata riunione della segreteria politica del movimento a Milano, ha contattato telefonicamente il prof. Mario Monti. Nel cordiale e collaborativo colloquio telefonico il segretario della Lega Nord ha confermato la linea politica già espressa al presidente della Repubblica, che prevede l’indisponibilità della Lega Nord a votare la fiducia al futuro governo e la disponibilità a valutare caso per caso i singoli provvedimenti proposti. L’on. Bossi e il prof. Monti si incontreranno personalmente dopo l’espressione della fiducia da parte del Parlamento”.

Matteo Oliviero