La Lega contro la coesione territoriale: E’ contro il nord. Plauso da Pd e Udc

Coesione territoriale – Scoppia la polemica tra la Lega e il presidente Mario Monti, che oggi presentando la lista dei suoi Ministri ha ribadito l’importanza della coesione territoriale dedicandogli un Ministero.
Monti ha sempre portato avanti la sua visione della crisi, come del resto ha sempre detto anche il presidente della Repubblica, che può essere superata soltanto se il paese rimane coeso.
Il Ministero non ha ancora iniziato ad operare ma sono già scoppiate le prima polemiche da parte del Carroccio, e in particolar modo da parte di Calderoli: “La nascita di un ministero per la coesione territoriale – scrive Roberto Calderoli in una nota – significa aver creato il ministero del centralismo, ovvero che ancora una volta il Nord verrà spremuto per garantire a qualcuno di continuare a mangiare a sbafo…”
Se il buongiorno si vede dal mattino allora è notte fonda e sarò felice di votare contro la fiducia al prossimo esecutivo. Un governo che non ha neanche un dicastero ad hoc per le riforme? Il Nord non potrà accettare questo ennesimo schiaffo“.
Inutile dire che la Lega non dovrebbe essere troppo sorpresa visto che anche nel governo Berlusconi c’era un Ministero simile guidato da Fitto, Ministro per gli affari regionali e la coesione territoriale.

Pd e Terzo Polo applaudono Monti – Applausi dal Terzo Polo e dal Partito Democratico: “Ora ci sono le condizioni per lavorare bene in parlamento“.
Sono Ministri che rappresentano una eccellente premessa per l’efficacia del governo, dice Benedetto della Vedova di Fli.
Una squadra da tripla-a“, è invece il commento di Bocchino.
Un governo capace di salvare l’Italia“, secondo l’Udc.
Gianfranco Fini ha espresso “un vivo apprezzamento per la capacità con cui Monti ha superato la prima impegnativa prova, dando vita ad un governo i cui componenti sono stati scelti unicamente in base alla loro grande competenza e al loro indiscusso valore professionale“.

Le parti sociali – “Mi pare che il criterio che accompagna le nomine governative sia un criterio di competenze e professionalità” è il primo commento di Susanna Camusso, segretario generale della Cgil. “Monti è una persona che ha già dimostrato di essere capace e padrona della situazione, e di conseguenza credo che se si riuscirà ad avere più coesione e determinazione ci porterà fuori dalla crisi” commenta il vicepresidente di Confindustria, Alberto Bombassei.
Auguri di buon lavoro anche dall’Anm.: “Auguri di buon lavoro al neoministro della giustizia Paola Severino. L’Anm è disponibile, ancor di più in questa fase, a fornire il proprio contributo per il miglioramento del servizio giustizia nell’interesse dei cittadini“.

Matteo Oliviero