Grecia, studenti e lavoratori in piazza contro governo Papademos

Grecia, studenti e lavoratori in piazza. E’ partita alcune ore fa una nuova manifestazione degli studenti e dei lavoratori greci. Anche la protesta di oggi prenderà di mira le dure misure di austerity imposte dal nuovo governo di unità nazionale guidato da Papademos, al quale si contesta di aver fatto entrare nell’esecutivo esponenti della destra estrema e dell’Unione popolare ortodossa. La manifestazione di oggi è stata allestita anche per ricordare il 17 novembre di 38 anni fa, quando gli studenti universitari greci si ribellarono apertamente al regime imposto dai colonnelli. Una ribellione che il regime di allora represse con forza.

Allora morirono 24 ragazzi – La manifestazione di oggi è partita dalla sede del Politecnico di Atene, e si concluderà davanti l’ambasciata degli Stati Uniti. Si è scelto questo luogo simbolo, per protestare contro quella nazione che appoggiò il colpo di stato dei colonnelli, che avvenne nella primavera del 1967. Un colpo di stato che portò al potere Gheorghios Papadopulos, a cui si ribellarono 6 anni dopo gli studenti universitari greci. Studenti che occuparono il politecnico di Atene il 17 novembre del 1973, e che vennero attaccati da un carro armato dell’esercito greco, che sfondò il portone dell’università ellenica, provocando la morte di 24 studenti. La morte dei 24 studenti non fu vana, perché accelerò la fine del regime, che si dissolse nell’estate del 1974. Alla manifestazione di oggi è presente un massiccio spiegamento di forze dell’ordine, che è composto da 7mila poliziotti greci, e da 700 membri della comunità accademica.

Simone Lo Iacono