Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Politica

La convinzione del Cavaliere: Stacchiamo la spina quando vogliamo

CONDIVIDI

Costretto in un angolo dall’avvento del nuovo governo Monti (che oggi otterrà la fiducia anche alla Camera), l’ex premier Silvio Berlusconi ha deciso di convocare i suoi per indicare loro la strada da seguire. Nei vertici con i dirigenti del Pdl, il Cavaliere avrebbe ostentato grande ottimismo, dicendosi certo della prossima vittoria elettorale. E sulla nuova squadra di governo: “Durerà finché lo vorremo noi”, ha tagliato corto Silvio Berlusconi.

La sicurezza del Cavaliere – Il leader del Pdl è apparso quanto mai sicuro e smanioso di ritornare sulla scena politica con un ruolo da protagonista. E’ questa la cronaca consegnata dai tanti pidiellini che fino a ieri hanno incontrato e discusso con l’ex presidente del Consiglio. Silvio Berlusconi ha rimarcato a tutti l’opportunità di concedere fiducia al nuovo esecutivo (almeno per ora), pur puntualizzando che la soluzione indicata da Giorgio Napolitano ha rappresentato un insolito precedente.

Decisione imposta – “E’ stato un assalto alla democrazia – avrebbe detto il Cavaliere ai suoi – La decisione finale ci è stata praticamente imposta, con tempi voluti dal presidente della Repubblica”. Non solo: “Il rialzo dello spread dimostra che nulla è cambiato – avrebbe evidenziato l’ex premier – mentre tutti dicevano che noi, in particolare io, eravamo i responsabili dei problemi in Borsa”.

Monti come Maradona – E per rendere più chiaro il concetto, il fondatore del Pdl avrebbe sfoderato un parallelo calcistico: “Monti è arrivato ed è stato accolto come Maradona nel Napoli quando bastò fare il suo nome e annunciare il suo arrivo perché scoppiasse la festa – avrebbe spiegato Berlusconi – Ma poi non è che bastava solo lui”. Concetti salmodiati per rinforzare nei suoi la convinzione che alle prossime elezioni il Pdl vincerà e che il primo passo da compiere è quello di ricompattare un partito segnato da qualche dissidio interno.

Pronti a staccare – Sul fatto che il governo Monti rappresenti solo un “passaggio momentaneo”, del resto, non sembra avere il minimo dubbio: “Il governo durerà fin che lo vuole il Pdl – avrebbe tagliato corto il Cavaliere – Stacchiamo la spina quando vogliamo”.

Maria Saporito