Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Politica

Vendola deluso: Monti sulla scia di Berlusconi

CONDIVIDI

Lo aveva anticipato, ma dopo aver ascoltato con attenzione il discorso pronunciato ieri da Mario Monti al Senato, il leader di Sel ha voluto confermarlo: questo governo non gli piace perché tradisce una certa continuità con la disastrosa “gestione” precedente. “Le dichiarazioni del premier ci hanno deluso – ha tuonato il governatore della Puglia – perché hanno un profilo conservatore e rimandano alle politiche del governo Berlusconi”.

La delusione di Nichi – “Festeggiamo oggi la fine di uno stile, quello stile commercial-pornografico che ha segnato la stagione berlusconiana, però non festeggiamo la fine di una politica”. Il leader di Sel, Nichi Vendola, è partito da qui per rimarcare a favore di taccuini e telecamere la sua bocciatura al nuovo esecutivo tecnico. “Avevamo aperto credito nei confronti del governo Monti apprezzandone il livello e la scelta di alcuni ministri – ha continuato – ma le sue dichiarazioni programmatiche ci hanno invece deluso”.

Preoccupante continuità – “Le dichiarazioni programmatiche di Monti – ha insistito il governatore della Puglia – rappresentano un profilo politico conservatore e anche un elemento di continuità con le politiche economiche e sociali del governo Berlusconi. Non danno un messaggio positivo nei confronti dei giovani visto che rilanciano la riforma Gelmini. Francamente – ha rincarato Vendola – ci aspettavamo di più per un’Italia che cade sotto i colpi del fango e della povertà”.

Nessuna svolta sostanziale – Un giudizio assai severo, che ha spinto il numero uno di Sel a evidenziare ciò che (a suo giudizio) il nuovo premier non ha saputo o voluto fare: “L’Italia chiedeva a Monti una svolta nello stile ma anche nelle politiche – ha concluso il presidente della Puglia – La prima c’è stata, la seconda invece no”.

Maria Saporito