Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Politica

Romani tifa Passera: E’ un signore, farà bene il suo lavoro

CONDIVIDI

L’ex ministro Paolo Romani è stato intercettato ieri dai giornalisti prima del suo ingresso a Montecitorio. Nella piazza antistante il palazzo ha visto arrivare il neo ministro Corrado Passera (che gli succederà allo Sviluppo economico) e lo ha raggiunto per scambiare qualche parola. “Corrado è un amico – ha poi detto ritornando dai giornalisti – Riuscirà a realizzare un grande progetto per la crescita del Paese”.

Nessun dubbio su Passera – Per Paolo Romani non poteva esserci sostituto più valido, alla guida del suo ex dicastero, dell’ex ad di Intesa San Paolo, Corrado Passera. “E’ un amico, una persona molto preparata, molto per bene e brava – ha detto ai giornalisti che lo hanno incalzato sul neo ministro – Ha la grande fortuna di avere sia la delega dello Sviluppo che quella delle Infrastrutture quindi può fare un grande progetto per la crescita del Paese”. E le polemiche sul suo presunto conflitto d’interesse? “Ognuno di noi ha una vita precedente – ha notato Romani –  Se queste vite precedenti non ci consentono di fare politica, ognuno di noi può essere oggetto di conflitto di interessi. Mi pare che lui le abbia brillantemente risolte e abbia anche risposto con la sua trasparenza”.

Un encomiabile spirito di servizio – E per evidenziare la validità dell’uomo, l’ex ministro ha consegnato ai cronisti un aneddoto a suo giudizio significativo: “Vi posso dare un piccolo episodio – ha detto – Lui (Corrado Passera, ndr) che è un signore, che come amministratore delegato di Banca Intesa aveva un certo stipendio, quando ha saputo quello che prende un ministro ha fatto un salto sulla sedia ma poi per spirito di servizio – ha concluso Romani – ha detto: Va bene, va bene lo stesso'”. Un sacrificio dal sapore altamente patriottico.

Maria Saporito