Controllore Atm in coma dopo una lite

Metropolitana di Milano – E’ successo oggi alla stazione Gessate della linea verde, il controllore avrebbe fermato il 18enne senegalese, che era stato visto scavalcare le barriere di ingresso e quindi inseguito dall’uomo. Ne è scaturita una violenta lite culminata con il 49enne dipendente dell’Atm, l’Azienda di trasporti milanese, colpito alla testa, vicino a un orecchio, e al petto con una scatola dal senegalese.

La colluttazione ha causato l’infarto – Dopo che il 18enne si è allontanato inseguito dagli uomini della polmetro, il 49enne si sarebbe accasciato al suolo colpito da un infarto. L’uomo, subito soccorso, si trova ora nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale di Cernusco sul Naviglio, in coma farmacologico. I medici temono che il malore possa aver causato danni cerebrali, e attualmente le sue condizioni sono gravissime.

In stato di fermo – Le testimonianze sull’accaduto sono discordanti: alcune persone presenti avrebbero visto il dipendente Atm schiafferggiare il ragazzo, e l’altro per reazione lo avrebbe colpito alla testa, mentre altri affermano di aver visto il giovane femato aggredire subito l’uomo. Il senegalese raggiunto e arrestato dalla polizia è ora accusato di violenza e resistenza a pubblico ufficiale, mentre gli inquirenti stanno esaminando le resistrazioni delle telecamere di sorveglianza per chiarire la dinamica esatta di quanto accaduto.

Marta Lock