Notti romane pericolose

Rapina al bancomat – Il primo caso di cui si sono dovute occupare le forze dell’ordine, nella notte di ieri, è stata una rapina al bancomat a danno di una coppia di turisti sudafricani. I due avevano appena prelevato del contante nello sportello automatico di piazza San Pantaleo quando sono stati raggiunti da un malvivente che armato di coltello si è fatto consegnare i soldi ed è fuggito. La polizia che si trovava nel vicino corso Vittorio, l’ha subito inseguito stanandolo dal sottoscala nel quale si era nascosto. L’uomo è un pregiudicato già condannato per reati legati allo spaccio di stupefacenti e al momento dell’arresto, oltre a ben tre coltelli aveva anche il bottino rubato ai due turisti.

Mercedes contromano – Il venticinquenne alla guida dell’auto aveva imboccato contromano la zona a traffico limitato, ma quando si è accorto della presenza del vigile che voleva fermarlo ha tentato di investirlo, poi una volta sceso ha aggredito gli agenti.

Tasso alcolemico oltre i limiti – Il terzo caso riguarda un romeno di quarantasette anni che è stato fermato per essere passato con il rosso, gli è stato fatto l’alcool test ed è risultato ampiamente sopra i limiti tollerati. A seguito degli accertamenti gli agenti hanno scoperto che l’auto era priva di assicurazione, e perquisendo l’abitacolo hanno rinvenuto ben 56 computer portatili frutto di una rapina effettuata dall’uomo ai danni di un call-center nel quale non si erano ancora accorti della sottrazione. L’uomo è stato denunciato per furto, ricettazione e guida in stato di ebrezza.

Marta Lock