Home Sport Motori

F1, Pedro de la Rosa ritorna nel 2012 con la HRT

CONDIVIDI

F1, torna De la Rosa – Mentre tifosi ed addetti ai lavori attendono con ansia l’ufficialità del ritorno di Raikkonen (veda lui se in Williams o Lotus), Pedro de la Rosa spiazza tutti quanti annunciando il suo nuovo ritorno nella griglia di partenza per il 2012, al volante della piccola e debole HRT. Dopo il passaggio di proprietà avvenuto in estate, con l’abbandono del gruppo Hispania e relativo cambio nome, la struttura spagnola ora cerca maggiore identità nazionale, non solo costruendo una nuova base proprio nella penisola iberica ma presentando una coppia di piloti maggiormente in linea con il nuovo progetto, il tutto per rilanciare l’immagine della squadra evitandone una triste chiusura. Avere tra le proprie file un esperto pilota come De la Rosa è certamente una importante mossa per crescere e ridurre il gap con i team di bassa classifica, anche se le difficoltà non mancheranno di certo.

Motivazioni enormi –Ho meditato davvero tanto confessa Pedro: In termini di maturità sono nella fase migliore e sono pronto a raccogliere questa sfida, che mi motiva enormemente. Al momento di decidere di partecipare a questo progetto, per me ci sono stati tre fattori decisivi: il mio desiderio di ritornare a correre, il fatto che la HRT è un team spagnolo e che conosco la gente che fa parte di questo progetto Nonostante quindi i molti anni passati nei circuiti di tutto il mondo con molte squadre diverse (Jaguar, Sauber e Mclaren in primis), la voglia di tornare nella mischia è rimasta tanto forte quanto immutata: “Sono qui per lavorare duro, con modestia e umiltà, accettando dove siamo ora, ma tenendo a mente dove vogliamo essere tra due anni. Per me questo è il momento di mettere in pratica tutto ciò che ho imparato negli anni in squadre di alto livello per crescere insieme

Obbiettivo rafforzarsi – Il contratto prevede due anni di collaborazione, con l’intento e speranza di cogliere un deciso balzo in avanti nelle prestazioni, per adesso non riuscito. “L’obiettivo del team è sempre stato quello di rafforzare se stesso in ogni aspetto: economico, tecnico e sportivo”afferma il team-principal Colin Kolles L’aggiunta di Pedro de la Rosa per il prossimo anno sarà fondamentale per lo sviluppo del nostro progetto. Siamo una squadra giovane che deve continuare a progredire e con questa integrazione sono convinto che lo faremo. Oltre ad essere una grande persona, è un pilota esperto, con una carriera di prestigio” Adesso bisogna occupare il secondo sedile disponibile. Vitantonio Liuzzi è sicuro di poter conservare il posto, anche se vi sono molti giovani spagnoli pronti a succedergli, magari portando con loro una buone dose di sponsor così preziosi e vitali per continuare a sognare nel pazzo mondo della F1.

Riccardo Cangini