Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca Giornata dell’Albero, un’occasione per riflettere sulla salvaguardia del territorio

Giornata dell’Albero, un’occasione per riflettere sulla salvaguardia del territorio

Giornata dell’Albero. Mentre le immagini dei fiumi di acqua e fango che travolgono le strade di Genova e deturpano il panorama della Cinque Terre è ancora impresso a colori vividi nella nostra memoria, ieri si è celebrata la seconda Giornata nazionale dell’Albero, dedicata a Sandro Usai, volontario deceduto a Monterosso ed a tutte le altre vittime dell’alluvione. L’evento, patrocinato dal Ministero dell’Ambiente, vuole essere un’occasione per riflettere sulla necessità di salvaguardare il patrimonio boschivo e la biodiversità al fine migliorare la qualità della vita dei cittadini e proteggere il territorio dai fenomeni di dissesto idrogeologico a cui, purtroppo, assistiamo sempre più frequentemente.

Napolitano: Combattere le ecomafie. Parlando con alcuni studenti presenti al Quirinale, il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha sottolineato la necessità di “sfruttare energie nuove – rinnovabili – che non provocano danni all’ambiente” e il bisogno di investimenti a lungo termine che consentano di realizzare solidi progetti a prevenzione dei disastri ambientali. Prima di consegnare la medaglia d’oro alla memoria a Usai, Napolitano ha ricordato che i guasti più gravi all’ambiente li ha fatti la criminalità organizzata. Basta vedere cosa ha fatto con i rifiuti”.

15 mila alberi in più. La Coldiretti (Confederazione Nazionale Coltivatori Diretti) si è invece preoccupata di porre l’accento sulla necessità che i comuni inseriscano all’interno dei propri piani regolatori alcune disposizioni per l’individuazione delle aree da sottoporre a rimboschimento al fine di migliorare la compattezza del terreno e prevenire frane o alluvioni  future. Su questo punto si è espresso anche Riccardo Valentini, professore di Ecologia Forestale presso l’ Università della Tuscia, che ha ricordato come spesso i comuni, per far quadrare i bilanci dopo il taglio delle erogazioni statali, abbiano aumentato i prelievi legnosi dal territorio in maniera indiscriminata con conseguenze negative per la difesa del suolo. In occasione dell’evento di ieri sono stati organizzati dibattiti e conferenze, ma anche un’ importante azione pratica è stata messa in atto; oltre 1.600 scuole e comuni hanno accolto all’interno degli spazi verdi i 15mila alberi messi a disposizione dal ministero dell’Ambiene e dal Corpo Forestale dello Stato compiendo un primo, piccolo passo verso il rispetto e la salvaguardia cosciente del territorio.

Irene Lorenzini