Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

La supercommissione sul deficit degli Usa ha fallito

CONDIVIDI

Fallimento della supercommissione – Il gruppo bipartisan, composto da sei repubblicani e sei democratici, incaricato da Obama di delineare una strategia per rimettere in sesto il deficit sui conti pubblici americani, non e’ riuscito a trovare una soluzione a medio-lungo termine e si è arreso.

La legge per l’innalzamento del tetto del debito pubblico, varata all’inizio di agosto, aveva previsto un alleggerimento della spesa pubblica di almeno 1.200 miliardi di dollari nei prossimi dieci anni. La supercommissione messa insieme dal presidente americano, dopo mesi di dibattiti, non ha però trovato risposte definibili entro la scadenza fissata per 23 novembre, il giorno prima di Thanksgiving. In una nota la commissione afferma: “Dopo mesi di duro lavoro siamo giunti alla conclusione che non ci sono accordi bipartisan raggiungibili entro la scadenza fissata” .

 Ancora un anno di tempo – Barack Obama incolpa del fallimento della missione i repubblicani che vorrebbero evitare ad ogni costo i tagli automatici. In assenza di un accordo, gli Stati Uniti hanno ancora un anno per dibattere con manovre il deficit che attanaglia gli Stati americani. Dal 2013 scatteranno i tagli automatici e trasversali che colpiranno tutti i settori, compresi la sanità e la difesa.

Michela Santini