Canada, arrivano le banconote di plastica: più sicure, rispettano l’ambiente

Mi scusi, vorrei pagare con i soldi di plastica. Posso? Non in Italia, almeno per il momento, ma se vi trovaste in Canada, certo che potete.
Quella che dalle nostre parti potrebbe sembrare una frase a effetto, buona per sdrammatizzare lo spettro di una crisi economica sempre più presente nei discorsi degli italiani, i quali attendono di capire in cosa consisterà il rigore preannunciato dal nuovo governo Monti, nel paese del continente americano non stupirebbe nessuno.
In Canada, dalla scorsa settimana, sono state messe in circolo le prime banconote da cento dollari in materiale plastico.

Rispetto per l’ambiente – “Più sicure, più economiche, più verdi“. Sono queste le parole utilizzate dal Governatore della Banca del Canada Mark Carney per descrivere la nuova innovazione. L’approdo alle banconote ‘plastiche’, dunque, apporterà dei benefici in termini ambientali ma anche di sicurezza: rispetto ai classici soldi cartacei, quelli stampati su un substrato plastico sarebbero molto più sicuri, in quanto difficilissimi da falsificare. E qualora non bastasse, anche la loro autenticità sarebbe facilissima da verificare.
La nuova tecnologia donerà ai soldi una durata superiore di almeno due volte e mezzo oltre alla possibilità, una volta ritirate dalla circolazione, di poter essere riciclati.
Adesso bisognerà capire, se la loro esistenza verrà prolungata anche all’interno delle tasche dei cittadini. Ma questo, forse, è un problema difficilmente risolvibile con la plastica.

Simone Olivelli