Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca Mazzette al Comune di Palermo, arrestati dipendenti e professionisti

Mazzette al Comune di Palermo, arrestati dipendenti e professionisti

Chiedevano ‘mazzette’ a imprenditori e commercianti per velocizzare l’iter delle pratiche amministrative o per rilasciare autorizzazioni: tre dipendenti del Comune di Palermo e due liberi professionisti sono stati scoperti ed arrestati questa mattina all’alba dagli uomini della Squadra Mobile della Questura di Palermo.

Chiedevano denaro per rilasciare autorizzazioni – Ai cinque indagati, a cui sono stati concessi gli arresti domiciliari, vengono contestati i reati di associazione a delinquere finalizzata alla concussione, corruzione e falsità ideologica. L’inchiesta ha svelato, infatti, l’esistenza di un’associazione a delinquere che incassava «mazzette» per velocizzare l’iter delle pratiche amministrative del Comune, in particolare nel settore Servizi alle Imprese e nel settore Urbanistica ed Edilizia. Le ordinanze di custodia sono state firmate dal gip di Palermo Ferdinando Sestito, in seguito alla richiesta del pm Ennio Petrigni che ha coordinato l’inchiesta insieme al procuratore aggiunti Leonardo Agueci. L’indagine era stata avviata nel 2009 dopo la denuncia di un gestore di giostre che aveva dichiarato di aver ricevuto richieste di denaro da parte di un geometra in servizio presso l’Amministrazione comunale del capoluogo siciliano. L’attività investigativa, basata anche su intercettazioni telefoniche e ambientali, ha fatto emergere le condotte illecite dei tre dipendenti pubblici che gestivano l’istruttoria per il rilascio di autorizzazioni e licenze su aree pubbliche per attività commerciali e dei due professionisti incaricati di redigere i relativi progetti. Ad essere finiti in manette sono i dipendenti comunali Mario Torrasi, Natale Ciancio e Antonio Giuseppe Genovese. I professionisti coinvolti, invece, sono l’architetto Mario Pagnotta e il geometra Francesco Lombardo. Tutti i dettagli dell’operazione saranno forniti nel corso di una conferenza stamapa che si svolgerà questa mattina presso la Procura di Palermo.

Francesca Theodosiu