Russia, Putin in netto calo nei sondaggi

Vladimir Putin rischia di perdere almeno parte della solidissima maggioranza su cui può contare attualmente alla Duma, dopo le prossime elezioni presidenziali previste per il 4 marzo 2012. Secondo i sondaggi infatti, anche se l’elezione a Presidente, con Medvedev che tornerà ad essere primo ministro, non sembra essere in dubbio, il partito di Putin, “Russia unita” rischia di perdere  circa 80 seggi nella camera bassa.

 

Maggioranza comunque solida – Secondo quanto afferma il centro sondaggi Levada-Center, per bocca del suo presidente Lev Gudkov, “Putin avrà vita facile al primo turno”, ma la sua maggioranza non sarà più oceanica, come è adesso. Attualmente infatti, il partito dell’attuale Primo Ministro, può contare su ben 315 seggi alla camera bassa, mentre dopo la tornata elettorale di marzo, la maggioranza dovrebbe assestarsi attorno a 252 seggi.  Con il partito comunista seconda forza a quota 94 scranni e il partito Lpdr a quota 59.

 

Campagna elettorale debole“Russia Unita, pur essendo sicuramente il partito dominante, sta conducendo una campagna elettorale piuttosto debole” – ha affermato Gukov – “perché non sta dimostrando di avere un solido programma di governo da presentare agli elettori russi.” Alcune voci ipotizzano che un risultato modesto del partito, potrebbe condurre Putin ad un ripensamento sul probabilissimo scambio di ruoli con Medvedev, con quest’ultimo destinato al ritorno sulla poltrona di Primo Ministro. Un antipasto di quanto accadrà a marzo, potremmo averlo già il 4 dicembre, quando sono in programma le elezioni legislative.

Luca Marrelli