Servizio Pubblico, “Punire i corrotti”: Tangenti e Finmeccanica (video)

CONDIVIDI

Servizio Pubblico, Finmeccanica – Luca Bertazzoni ed il suo “servizio di inizio puntata” aprono una questione grande, importante, di cui s’è probabilmente parlato troppo superficialmente prima di ieri sera. Trattasi della Finmeccanica e dell’affare concernente le tangenti che la riguarda. Finmeccanica è un’industria nostrana che negli ultimi anni è riuscita ad agglomerare al proprio interno la maggior parte delle industrie italiane operanti nel suo settore (oltre che qualche industria all’estero). Il principale azionista della Finmeccanica è, da anni, proprio il Ministero dell’Economia e delle Finanze con una quota superiore al trentadue percento della società. Michele Santoro ieri ha voluto indagare sulla ormai vergognosamente celebre “questione-tangenti”.

Il reportage di Sandro Ruotolo – Luca Bertazzoni si è dato all’inseguimento di La Russa, Giovanardi e Matteoli. La domanda che ci si pone è la seguente: si può considerare giusta la scelta di far sì che “amici” di persone al potere (politici) ricoprano cariche di dirigenza all’interno di aziende a partecipazione pubblica? “Guardi che solo i fascisti e i comunisti pensavano che essere amici dei politici fosse un reato!”, risponde Giovanardi a Bertazzoni quando gli fa notare il problema. Erano i partiti a decidere le nomine dei consigli d’amministrazione, come conferma Lorenzo Cola, consulente Finmeccanica. Attraverso ricostruzioni, interviste ed inseguimenti, Luca Bertazzoni introduce un argomento spinoso: le tangenti date dagli industriali ai politici. Vengono sollevate, all’interno del reportage, questioni importanti, e vengono fatti nomi e cognomi, come ad esempio quello di Pierferdinando Casini.

M.C.