Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Anna Hazare’s Time

CONDIVIDI

Ralegan Siddhi ( Maharastra ) – Stando a quanto riportato tra le colonne del quotidiano indiano The Economic Times, sabato mattina una troupe di fotografi del Time avrebbe raggiunto Anna Hazare nel suo villaggio situato nel distretto di Ahmednagar. Il 74enne attivista gandhiano sarebbe stato immortalato da diverse angolazioni nel complesso del Tempio Yadavbaba, dove vive. Il ritratto dovrebbe essere la prossima copertina del noto magazine britannico. La settimana scorsa inoltre, una sua statua a grandezza naturale è stata inaugurata al Celebrity Wax Museum di Lonavla, a circa 120 km da Mumbai. Continua dunque a propagarsi inarrestabile la popolarità del social worker indiano che sta cominciando a catalizzare l’attenzione dei media internazionali.

Il Gandhi del nuovo millennio – La figura di Anna Hazare è diventata nell’ultimo anno un punto di riferimento nell’ambito della società indiana. Riuscendo a catturare la fantasia delle masse ha portato avanti nel corso del 2011 un’imponente lotta contro la corruzione, acclamando a furor di popolo la creazione e la legittimazione istituzionale del Jan Lokpal Bill. La proposta legislativa, rimandata un indefinito numero di volte dalla conquista dell’Indipendenza a causa della lentezza burocratica del sistema, prevede in linea generale la creazione di un organismo di magistratura indipendente attraverso il quale snellire e velocizzare le inchieste, ponendo così un freno alla corruzione dilagante. L’ultima versione del provvedimento fu approvata dal Governo indiano nel 2010, ma fu considerato estremamente insufficiente e incompleto dalla società civile, sicché Hazare decise di mettersi a capo della campagna sociale India Against Corruption inaugurando un primo sciopero della fame nel mese di aprile, un secondo invece nel mese di agosto. A partire da quest’estate Hazare è stato acclamato dal popolo indiano come il nuovo Gandhi per la nuova India, non senza importanti polemiche che hanno visto in prima linea le scrittrici Aruna e Arundhati Roy che hanno criticato alcune posizioni piuttosto controverse assunte dall’anziano attivista.

Popolarità o Celebrità? – La risonanza che ha avuto l’effetto Hazare su tutta l’India è stato epocale. In quei giorni di sciopero non c’era una strada da Delhi a Varanasi che non inneggiasse un urlo in suo nome. Le manifestazioni sfilavano ad ogni ora del giorno e della notte. Una sera in una strada di Jodhpur intravidi da lontano una nuvola di fuoco che scandiva parole in hindi al grido di “Hazare, Hazare”. Man mano che si avvicinava nell’oscurità uomini di tutte le età marciavano con delle torce sventolando il trivarga e guidati da una camionetta color zafferano su cui capeggiava un enorme cartellone con il volto di Hazare.  Adesso quello stesso volto sarà la copertina del Time. Negli ultimi mesi l’attivista è stato tacciato di caudillismo, ma resta indubbio che la sua voce ha dato voce a milioni di persone, non rimanendo invischiata in sterili polemiche. Tuttavia è necessario che quella voce non si perdi nella risonanza mediatica internazionale ma continui a rappresentare la bontà del popolo indiano nella lotta alla corruzione.

 

Mario Paciolla