Il “Democratic Napapijri” promosso da Coin risveglia l’animo irascibile degli italiani in coda

CONDIVIDI

Democratic Napapijri, Coin – La storia in sintesi è questa. Coin avvia una campagna nel 2010, la Democratic Wear, per mettere sul mercato capi ad un prezzo democratico e sensibilizzare la gente alle tematiche sociali. Tutto molto bello. Nella pratica oggi si è svolto il Democratic  Napapijiri che ha coinvolto 33 punti vendita Coin in giro per l’Italia. Per chi non lo sapesse Napapijiri è una marca d’abbigliamento e vende per lo più piumini a prezzi non da mercato del lunedì mattina, diciamo così. Oggi un piumino Napapijiri ti aspettava, a partire dalle 11:00, a soli 10 €, per chiunque fosse arrivato in tempo, fino ad esaurimento scorte.

Le code all’italiana – Qui viene il bello. Non so voi ma io ho saputo della promozione un paio di giorni fa da mia sorella, che mi ha chiamato sconvolta per darmi la notizia. In un primo momento ho dimenticato il giubbino. Ieri, poi, parlando con degli amici è saltato fuori di nuovo il caso Coin. Allora abbiamo deciso: si parte. Appuntamento domani mattina fuori dalla residenza universitaria nella quale abito, qui a Padova, direzione Coin. “Facciamo alle 7 ok? … No, dai alle 8”. 8.30 del mattino: siamo io e Luca. L’idea era di fare un salto in centro, poi colazione, giro nel Coin fino alle 11, ritiro del biglietto per il piumino e ritiro del piumino. Ore 8.45: arrivo presso Coin.

E’ davvero triste quando realizzi in un istante che non sei il solo a fare progetti, che non solo tu vuoi un giubbino a 10 € ma soprattutto che in Italia c’è gente che, quando si tratta di regali o cose simili, si sveglia sempre prima di te. Una cosa pazzesca: ragazzi dai 15 ai 25 anni picchettavano l’ingresso del Coin da circa le sette di mattina. Io ed il mio amico abbiamo fatto spesa e preparato la colazione agli altri in residenza. Giornata piacevole. Ho letto che a Verona si è sfiorata la rissa, a Firenze le strade occupate dalla gente che impediva il passaggio di taxi e ambulanze. In altre città le code sono cominciate alle sei di mattina. E in molti centri si è reso necessario l’intervento delle forze dell’ordine per calmare gli italiani in coda. Si diceva di sensibilizzare la gente, certo: l’importanza delle tematiche sociali. A proposito, a chi si devolve il ricavato di oggi? Boh, non lo chiedete a me, io pensavo di rivendermi il giubbino su Ebay.

Gianrico D’Errico