Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

Picchiava i figli, donna padovana finisce in carcere

CONDIVIDI

2 anni e 8 mesi per violenza su minore – Il Gazzettino ha diffuso questa mattina la notizia della condanna a 2 anni ed 8 mesi di reclusione per una donna vicentina accusata di maltrattamento su minori. Ad emettere la sentenza è stata Deborah De Stefano, giudice del Tribunale monocratico di Bassano, che ha preferito una pena più morbida rispetto a quella di 4 anni e 10 mesi richiesta da Massimo Malipiero, avvocato difensore dei ragazzi.

Violenza fisica e psicologica –Durante il procedimento sono state ascoltate oltre 30 persone e dalle testimonianze è emerso che la donna, una quarantenne di origini padovane ma residente nel vicentino, da anni sfogava la propria rabbia e frustrazione sui tre figli di 16, 10 e 3 anni. I motivi più futili spingevano la madre a percuotere violentemente i figli con calci, schiaffi, morsi, oggetti personali o rami di piante: ne sono testimoni le numerose cicatrici rinvenute sui corpi dei minori. Oltre alla violenza fisica si aggiunge quella psicologica perché la madre, non contenta, costringeva i tre ragazzi a svegliarsi molto prima dell’orario consueto costringendoli ad occuparsi delle faccende domestiche e molto spesso non si preoccupava nemmeno di far trovare loro del cibo in tavola al rientro da scuola.

Salvati dal Telefono Azzurro – La difficile situazione è stata portata alla luce solo nel 2008, quando il figlio di 10 anni decise di chiedere aiuto al Telefono Azzurro che immediatamente intervenne. I piccoli non avevano mai fatto parola con nessuno riguardo alla drammatica condizione nella quale erano costretti a vivere, non avevano chiesto aiuto neppure ai parenti o ai vicini che consideravano la madre una persona istruita e rispettabile. Adesso i ragazzi sono stati affidati ai padri (l’ultimo figlio è frutto di un secondo matrimonio della donna) e per loro ci auguriamo un futuro migliore con la speranza che riescano presto a ritrovare il sorriso, lasciandosi alle spalle il triste passato.

Irene Lorenzini