Sara Tommasi in mutande per Scilipoti e Marra. Che terzetto contro le banche

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:07

Sara Tommasi, mutande e autoreggenti contro le banche – Giacca di pelle rossa, mutande bianche quasi trasparenti, stivale alto e autoreggenti nere modello sexy maestra nei film di Pierino. Sara Tommasi, la ragazza al centro delle cronache sul ‘bunga bunga‘ col presidente del Consiglio, balzata all’attenzione negli ultimi giorni nella veste di protagonista nuda dello spot Fermiamo le banche” di Alfonso Luigi Marra, proprio non vuol saperne di smettere di suscitare clamore. Così, ieri, chi per caso si è trovato a passare davanti al Teatro Quirino a Roma ha avuto modo di notare il lato B della Tommasi messo in bella mostra senza pudore e vergogna contro il signoraggio delle banche. In fondo all’articolo trovate il video. 

I tre moschettieri: Tommasi, Marra e Scilipoti. Ad accompagnare Sara Tommasi sul palco del Teatro Quirino non c’era solo il filosofo e giurista partenopeo Alfonso Luigi Marra, vera mente di questo inedito e alquanto fantasioso movimento che combatte il signoraggio bancario a suon di fondi schiena e tette. A completare l’inedito e forse incredibile terzetto c’era anche l’onorevole Domenico Scilipoti, ex dipietrista passato tra i banchi dell’ex maggioranza di centrodestra in occasione del voto di fiducia al Governo Berlusconi (col conseguente presunto ‘mercato delle vacche‘ a Montecitorio), autonominatosi in seguito capo del gruppo dei Responsabili.

‘Come Cicciolina, sogno la politica’ – Intervistata dal settimanale Vero, in merito a un possibile suo approdo in politica, la showgirl ternana ha dichiarato: “Perché no, non lo escludo come obiettivo. Purtroppo i miei nudi mi ostacoleranno la strada. In questo, mi sento Cicciolina e spero di ripercorrere la sua carriera: lei è riuscita ad abbattere i pregiudizi e a entrare in Parlamento”. E di nudi la bella Sara ne ha già un bel po’ alle spalle. Basterà dare un’occhiata alla  ricca photogallery posta in fondo all’articolo per ripercorrere tutti gli scatti più hot della modella, che può anche vantare un sexy e fortunatissimo calendario Max. A far discutere è, però, l’ultimo spot ideato da Marra, il quale già in passato si è servito di vip del calibro di Manuela Arcuri e Lele Mora e della tanto discussa Ruby per sponsorizzare il suo libro ‘Il labirinto femminile’.  Durante il sexy clip, una Sara Tommasi  completamente nuda si scaglia contro “i politici e i giornalisti di regime”, colpevoli di aver nascosto la truffa che sta dietro alle leggi salvabanche. “Sono stanca di essere associata al bunga bunga”, ha dichiarato la Tommasi in un’intervista a Oggi“Ho fatto molti errori di valutazione e in passato forse ho anche parlato a sproposito. Ma ora voglio diventare, attraverso quel genio che è Alfonso Luigi Marra, il simbolo della lotta alle banche e metterò al servizio dei ‘dissidenti’ italiani il mio corpo per combattere il potere bancario che è all’origine di questa catastrofica crisi finanziaria ed economica”. Insomma, il linguaggio non è ancora quello di una politica navigata, ma l’impegno c’è tutto. “È la prima volta che metto così seriamente al servizio della collettività il mio corpo”, ha aggiunto la soubrette ternana per nulla imbarazzata dalla fantasiosa trovata di Marra. “Anche io voglio, attraverso la mia visibilità, dare una mano alla battaglia contro lo strapotere delle banche e unirmi alla lotta degli indignados di tutto il mondo. Appaio nuda perché le banche non solo ci hanno lasciato in mutande, ma ce le hanno letteralmente sfilate”.
Per fortuna, ieri, davanti al Teatro Quirino la mai sobria Sara ha pensato bene di tenerle. Almeno le mutande.

Fotogallery e video in basso.

Raffaele Emiliano

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!