Chi è il nuovo ministro della Funzione pubblica?

Si chiama Filippo Patroni Griffi il nuovo ministro della Funzione pubblica che da ieri sera ha fatto alzare a quota 18 il numero dei membri del nuovo governo. Della sua nomina si è parlato nel corso dell’incontro avvenuto ieri mattina al Quirinale tra il premier, Mario Monti, e il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Magistrato di origine napoletana, Patroni Griffi subentrerà al vulcanico Renato Brunetta nella gestione della Pubblica amministrazione e non solo.

Un curriculum importante – Il 18simo ministro del governo Monti è nato nel 1955 a Napoli, dove ha studiato e si è laureato in Giurisprudenza all’Università Federico II. Filippo Patroni Griffi è attualmente presidente di sezione del Consiglio di Stato, ma in passato è stato magistrato ordinario e referendario di Tribunale amministrativo regionale. Tra gli incarichi istituzionali ricoperti fin qui, quello di segretario generale dell’Autorità garante per la protezione dei dati personali, quello di capo di gabinetto della Funzione pubblica con il ministro Brunetta e quello di  capo del Dipartimento Affari giuridici e legislativi della Presidenza del Consiglio nel governo Prodi. Non basta: il nuovo responsabile della Pa è stato anche a capo dell’ufficio legislativo della Funzione pubblica con i ministri Cassese, Frattini, Motzo, Bassanini e a capo del gabinetto del ministro per le Riforme istituzionali, Giuliano Amato.

Tra riviste e  impegni internazionali – Un vero e proprio tecnico, che vanta nel suo carnet anche diverse pubblicazioni in materia di diritto e processo amministrativo, l’appartenenza al comitato scientifico di riviste giuridiche e la partecipazione a molti incontri internazionali tra Consigli di Stato e Corti amministrative supreme.

Maria Saporito