Monti assicura: La mia squadra è al servizio del Paese

La rassicurazione di Monti – Dopo il giuramento dei nuovi sottosegretari scelti da Mario Monti, è proprio il presidente ad intervenire per smorzare ogni forma di polemica sui possibili conflitti d’interesse.
La squadra, che monti ha definito “snella e forte” non vuol sentire parlare di interessi: “Saremo di un’assoluta trasparenza“, ha assicurato Monti.
Il governo si pone al servizio del Parlamento che “sarà un punto di riferimento costante. Aiuterà le forze politiche a ritrovare un clima più sereno e una riconciliazione con l’opinione pubblica“.
Il numero complessivo delle persone che siederanno in consiglio dei ministri scenderà rispetto al precedente governo da 26 a 19. I viceministri e i sottosegretari scendono invece da 40 a 28″.
E ancora, continua Monti: “Quando nei governi viene chiesto ai politici di farvi parte come viceministri o sottosegretari per loro è una cosa gradita e comporta una lieta accettazione”perché fa parte dell’iter normale della carriera di chi fa la nobile professione politica”. Nel nostro caso ho dovuto in diverse situazioni esercitare la forza della convinzione e della persuasione per l’interesse del paese Paese. Si tratta di persone che accettando hanno rinunciato a trattamenti economici e prospettive di carriera“.


Il rapporto con i partiti – Per quanto riguarda il rapporto con i partiti, sarà ” costruttivo e comporta qualche innovazione, perchè godiamo in Parlamento di una fiducia che viene dalle forze che erano in dissenso fra loro e fanno uno sforzo che apprezzo. E’ chiaro che in ogni momento sarà un rapporto essenziale e veniamo molto rispettati dalle forze politiche. Noi godiamo in Parlamento di una fiducia emanante da forze politiche che fino a ieri erano in perenne dissenso tra loro e ora guardano a noi e fanno uno sforzo che apprezzo“.

Matteo Oliviero