India, vietato baciarsi in pubblico: poliziotti puniscono le coppiette – VIDEO

Per chi ha visto il video è difficile trattenere qualche sorriso: le scene riprese dai media indiani, e riguardanti le operazioni della polizia del paese asiatico contro l’immoralità nei luoghi pubblici, sembrano prese da qualche sit com di bassa lega, ma a quanto pare invece corrispondono alla realtà dei fatti.
Denominata ‘Operazione Majnu’ e condotta dall’ispettore Alka Pandev, la nuova missione delle forze dell’ordine per mantenere il decoro delle città ha preso come obiettivo le coppiette che si appartano nei parchi pubblici.
Nella giornata di ieri, Pandev è intervenuto nel parco di Ghaziabad.
I metodi utilizzati per rimettere in riga gli sfortunati innamorati sono grotteschi: il poliziotto arriva alle spalle della coppia, prende letteralmente dall’orecchio il ragazzo e, dopo averlo redarguito a dovere, lo costringe a punizioni degne di un campo militare. Piegamenti sulle braccia o sulle gambe diventano così le pratiche utili per riflettere su quanto ‘commesso’.

Proteste – Al di là dell’ilarità che può suscitare agli occhi occidentali, il comportamento della polizia indiana ha iniziato a impensierire i malcapitati giovani.
Se da parte sua Pandev si giustifica dicendo che il suo compito è quello di “mandare un messaggio a questi giovani che distruggono la bellezza della città“, aggiungendo inoltre che le azioni delle forze dell’ordine mirano a tutelare la sicurezza delle ragazze, in quanto potenziali vittime di malintenzionati; i giovani sembrano pensarla diversamente: “I poliziotti arrivano alle spalle, ci prendono per il colletto e ci trattano come se fossimo dei criminali. Da queste parti gli assassini non vengono mai arrestati: è con la politica moralista che puntano a risolvere questi crimini?”.

Simone Olivelli