Serie A, Napoli-Juventus 3-3: pareggio spettacolare al San Paolo

Napoli-Juventus 3-3 – Si conclude con uno spettacolare 3-3 il recupero dell’11^ giornata di Serie A tra Napoli e Juventus. Dopo il rinvio dello scorso 6 novembre, le due squadre si sono affrontate al San Paolo senza esclusione di colpi e il divertimento ha avuto la meglio. Azzurri in vantaggio per 2 reti a 0 nella prima frazione grazie ad Hamsik (che aveva prima fallito un rigore) e Pandev. Bianconeri che accorciano le distanze ad inizio ripresa con Matri, ma subito dopo arriva ancora Pandev a ristabilire le distanze. Arrembaggio finale degli ospiti che vanno in rete prima con Estigarribia e poi con Pepe fissando il punteggio sul definitivo 3-3. La Juventus allunga quindi in classifica mentre il Napoli resta ancora distante dalla vetta.

Illusione azzurra – Diversi i cambi da entrambe le parti al fischio d’inizio. Cavani non riesce a recuperare e al suo posto Mazzarri ripropone Pandev. Conte invece schiera a sorpresa Estigarribia tornando al suo 4-2-4 lasciando in panchina Pazienza. Le scelte dei due tecnici si riveleranno poi azzeccate ai fini del risultato. Parte bene la Juventus ma il primo affondo pericolo è del Napoli. Sugli sviluppi di un corner corto, Lavezzi supera Pirlo che lo atterra in area di rigore. Dal dischetto si presenta Hamsik che trasforma ma Tagliavento fa ripetere per affollamento in area. Il secondo tentativo dello slovacco finisce però alto sulla traversa, gara bloccata sullo 0-0. Non si perde d’animo il Napoli che stende la Juventus con un micidiale 1-2. Su uno schema da calcio piazzato è proprio Hasmik a portare i suoi in vantaggio colpendo di testa a tu per tu con Buffon. Pochi minuti dopo è Pandev a chiudere virtualmente il match sfruttando un’indecisione della difesa bianconera. 2-0 per i partenopei alla fine del primo tempo.

Rimonta bianconera – Inizia la ripresa e la Juventus accorcia subito le distanze grazie ad un bel taglio di Matri che coglie impreparata la difesa azzurra e batte l’incolpevole De Sanctis. 2-1 e ospiti che spingono alla ricerca del pareggio. Ma è il classico Napoli in contropiede a tornare a far male al 68′. Azione solitaria di Maggio, cross al centro verso Pandev che con un capolavoro tecnico infila alle spalle di Buffon. Ristabilita la distanza e partita che sembra ormai chiusa. Ma la Juventus è viva e non affonda sotto i colpi avversari. Pronta infatti la reazione che arriva grazie ad un perfetto cross di Vucinic che trova Estigarribia lasciato colpevolmente solo dinanzi al portiere partenopeo. Facile il tap-in del sudamericano e ospiti ancora in partita. La Juventus sulle ali dell’entusiasmo si getta in avanti a testa bassa e grazie all’azione caparbia di Pepe trova il pareggio definitivo. Triplice fischio finale di Tagliavento che manda le squadre negli spogliatoi sul 3-3 finale.

Giuseppe Carotenuto