Bottiglia d’acqua con ammoniaca a Genova

Comprata a un distributore – Secondo le indagini la bottiglietta d’acqua sarebbe stata acquistata nei pressi della stazione di Genova Brignole, in un distributore automatico, dalla ragazza di 15 anni che da ieri sera è ricoverata all’ospedale San Martino nel reparto rianimazione in condizioni gravissime. Fortunatamente sembra, secondo il bollettino medico, che non siano stati lesionati gli organi interni, quindi la ragazza non sarebbe in pericolo di vita.

Una marca diversa – Secondo le testimonianze raccolte la marca della bottiglietta incriminata sarebbe diversa da quella di tutte le altre all’interno del distributore, e in effetti il contenuto era alterato dalla presenza di ammoniaca. La bottiglietta sequestrata non presenta però buchi o altre fessurazioni perciò i carabinieri continuano a indagare prendendo in esame anche le telecamere di sorveglianza per capire se qualcuno ha manomesso la macchina.

Caso analogo in Sicilia – E’ proprio di ieri la notizia di un’altra studentessa di Catania, ricoverata d’urgenza all’ospedale Garibaldi e sottoposta immediatamente a lavanda gastrica per aver bevuto acqua alterata con ammoniaca al termine dell’ora di educazione fisica. Nel caso siciliano si è pensato a uno scherzo di irresponsabili incoscienti o da un folle entrato di nascosto nella scuola. Anche in questo caso i carabinieri stanno ancora indagando.

Marta Lock