‘Ndrangheta calabrese anche in Toscana

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:07

Sequestrati capi d’abbigliamento contraffatti – Sono circa 30mila i capi contraffatti, tra abiti, accessori e scarpe, sequestrati nella maxioperazione condotta dal Nucleo di polizia Tributaria di Arezzo e da quella di Firenze, che ha portato allo smantellamento di un’organizzazione di import export, che aveva diramazioni su tutto il territorio nazionale, nella quale erano coinvolti anche personaggi di spicco della ‘ndrangheta calabrese.

Produzione e commercio – L’organizzazione si occupava di produrre e mettere in commercio capi d’abbigliamento e accessori di ottima fattura, con marchi firmati ma completamente falsi. Dei cinque arrestati, i due della provincia di Vibo Valenzia sono legati ai clan Anello Fiumara e Mancuso, un terzo uomo, da anni residente in Germania si occupava dei contatti con l’estero.

Manifattura turca – I cinque facevano produrre gli abiti e gli accessori in Turchia, provvedendo poi all’esportazione in vari paesi europei, con la complicità di molti negozianti che erano a conoscenza del fatto che la merce acquistata non era originale. Sono più o meno 50 gli imprenditori e i commercianti coinvolti nella vicenda e per questo indagati, molti dei quali in Toscana. Per i cinque contrabbandieri sono scattate le manette da parte degli uomini della Guardia di Finanza così come predisposto dal giudice per le indagini preliminari con provvedimento di custodia cautelare.

Marta Lock

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!