Home Notizie di Calcio e Calciatori

Catania, Pulvirenti non fa drammi. Legrottaglie: “Ripartiamo subito”

CONDIVIDI

Catania, Pulvirenti – Dopo la sconfitta rimediata in casa contro il Cagliari, il presidente del Catania, Antonino Pulvirenti, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni ai microfoni di Itasportpress.it: “Credo che la partita l’abbiamo fatta sempre noi contro una squadra che si è difesa con tutti gli undici effettivi. Forse qualcuno dei nostri ragazzi non è in buona condizione. La partita è stata decisa dal gol di Ibarbo, senza la sua giocata magari sarebbe finita diversamente. Con questa squadra abbiamo battuto l’Inter e ottenuto altri importanti risultati. Eviterei dunque di andare a trovare necessariamente il colpevole. Non farei drammi perché le prospettive sono buone”. Il numero uno della società etnea ha poi continuato: “Non fa piacere commentare due sconfitte dentro casa ma non dobbiamo fare drammi e guardare avanti. Dobbiamo continuare su questa strada perché questo è il momento più delicato”. Infine, riguardo al mercato ha aggiunto: “Mercato? Abbiamo cambiato modulo rispetto ad inizio stagione e forse qualcosa manca. Opereremo sicuramente in uscita perché abbiamo una rosa ampia e tanti giocatori che meritano di giocare e non di andare in tribuna. Se vogliamo continuare con questo modulo, sicuramente interverremo per acquistare qualche pedina che possa esserci d’aiuto”.

 

La carica di Legrottaglie – Anche il difensore Nicola Legrottaglie ha voluto rassicurare i propri tifosi dopo la battuta d’arresto contro i sardi. Ecco le sue parole ai microfoni di Itasportpress: “I nostri avversari sono stati bravi a capitalizzare una delle due occasioni avute nell’arco dei novanta minuti. Purtroppo noi abbiamo commesso degli errori e siamo stati puniti. Abbiamo cercato di recuperare ma non ci siamo riusciti a raddrizzare la partita. Una sconfitta che sicuramente poteva essere evitata ma adesso non bisogna creare allarmismi anche se è la seconda gara che perdiamo al Massimino consecutivamente. Rimbocchiamoci le maniche e ripartiamo subito. Il filotto di gare difficili è risultato facile e quello più semplice, invece, molto complicato. Viviamo alla giornata e non facciamo tabelle e calcoli per la fine del 2011″.

 

Giuseppe Ferrara