Pagelle Juventus-Cesena: Vidal onnipresente, Ghezzal impalpabile

Pagelle Juventus-Cesena – La Juventus si riprende il primato in classifica. La squadra di Conte si impone per 2-0 grazie ai gol di Marchisio al 27′ della ripresa e Vidal su rigore a 7′ dalla fine. Per i bianconeri, quinto successo nelle ultime sei partite. Il tecnico bianconero non può nascondere la propria soddisfazione per una gara condotta dal primo all’ultimo minuto: “Sono molto contento della prestazione dei ragazzi – ammette Conte –, ho visto una grande prova di maturità. Il Cesena è venuto molto arroccato, ma non credo che volesse stare solo sulla difensiva: siamo stati bravi noi a farli abbassare così tanto. Non a caso i numeri dicono 70% di possesso palla per noi e 30% per loro, con 21 tiri in porta contro 1. Abbiamo avuto buone risposte anche dai giocatori meno utilizzati, tipo Pazienza, Quagliarella e Giaccherini. Anche Del Piero era entrato subito in partita, peccato per quella entrata che gli ha provocato 8 punti di sutura“. Deluso Arrigoni, che si aspettava una gara diversa: “Abbiamo disputato una partita ordinata senza correre tantissimi rischi, però è anche vero che la Juve non ci ha concesso praticamente nulla e non siamo riusciti a proporci in avanti. Peccato solo aver preso il primo gol quando la partita sembrava essersi incanalata in maniera diversa. Il rigore? Non mi sembra che ci fosse. Dispiace soprattutto per il rosso ad Antonioli, nella prossima giornata andremo a Palermo senza il nostro baluardo difensivo“.

Juventus – Vidal 7: Da quando il cileno è entrato appieno nei meccanismi di Conte, la squadra sembra giocare con un uomo in più. Con la Juve in possesso palla, si piazza tra le linee e funge da regista avanzato. Appena la sfera cambia padrone, te lo ritrovi in mediana a interrompere le trame altrui. Il tutto coniugando buoni piedi ad una straordinaria aggressività. Nel finale di gara si presenta dal dischetto e realizza il rigore più facile della sua carriera. Imprescindibile. Lichtsteiner 7, Marchisio 7, Chiellini 6,5, Pazienza 6,5, Pepe 6,5, Buffon 6, Bonucci 6, Barzagli 6, Quagliarella 6, Giaccherini 6, Vucinic 5,5, Del Piero s.v., Matri 5: Dopo un mese e mezzo su livelli altissimi, conditi da gol e assist in serie, una partita al di sotto delle sue possibilità. Stretto nella morsa dei centrali del Cesena, non si vede mai dalle parti di Antonioli. Prova a spostarsi sulla fascia sinistra, scambiandosi con Vucinic, ma il risultato non è migliore. L’episodio che  spiega meglio la brutta partita del centravanti è quello del 34′, quando prova a calciare al volo dal centro dell’area ma sbuccia il pallone. Giornataccia (All. Conte 6,5).

Cesena – Rodriguez 6,5: Se per più di un’ora la Juve, pur dominando in lungo e in largo, non riesce a trovare il bandolo della matassa, molto del merito va ai due difensori centrali. Von Bergen e Rodriguez, infatti, dimostrano di essere una coppia super affidabile, mettendo in crisi le punte della Juve. Nel finale l’uruguaiano è costretto a fare anche il portiere: non male la respinta su Quagliarella. Solido. Von Bergen 6,5, Antonioli 6, Lauro 6, Guana 6, Parolo 6, Rossi 5,5, Martinho 5,5, Bodgani 5, Malonga 5, Mutu 4,5, Candreva s.v.,  Eder s.v., Ghezzal 4,5: Inserito un po’ a sorpresa da Arrigoni, che a destra doveva fare a meno di diversi titolari, l’algerino si vede pochissimo. Costretto ad una gara molto difensiva (e quindi lontana dalle sue corde), si trova spesso fuori posizione, e Chiellini ne approfitta. Le poche volte in cui potrebbe spingere, poi, sbaglia anche gli appoggi più banali. Inconsistente (All. Arrigoni 6).

Pier Francesco Caracciolo