Home Notizie di Calcio e Calciatori

Serie A, Lazio-Novara 3-0: Biava e Rocchi, show biancoceleste

CONDIVIDI

Lazio-Novara 3-0 – Un monologo in biancoceleste: Lazio-Novara finisce 3-0 al termine di 90 minuti nei quali i piemontesi si offrono come vittima sacrificale per una serata di festa biancoceleste. Apre le marcature Biava, poi Rocchi (con una doppietta), arrotonda il risultato, che avrebbe potuto essere ben più pingue se Cissè (palo) e Klose (errore non da lui) non avessero fallito le occasioni capitategli. Per il Novara c’è solo da lavorare: la salvezza, giocando così, diventa un obiettivo irraggiungibile. Gli scontri diretti che attendono gli azzurri nelle prossime settimane, diranno di più riguardo il futuro dei ragazzi di Tesser.

Minuto 23, partita chiusa – In pratica, l’incontro dura la metà di un tempo: nel primo quarto d’ora le squadre si studiano, poi Reja suona la carica e i suoi si svegliano: Biava, al 16′, approfitta di una marcatura eufemisticamente discutibile di Ludi e dell’uscita rivedibile di Ujkani e sigla l’1-0. Servono 7 minuti a Rocchi, servito su punizione da Hernanes, per mettere in ghiaccio la partita: 2-0 e risultato al sicuro. Anche perché il Novara non si rende mai pericoloso se non nel finale di tempo, quando la Lazio cala di intensità: ma le azioni create sono tutt’altro che pericolose per Marchetti e compagni di difesa.

Rocchi fa il bis – Il Novara prova a giocare, ma mostra poca qualità a centrocampo e fa fatica a costruire azioni degne di nota. Ecco, quindi, che i padroni di casa cercano l’occasione giusta per aumentare lo scarto: Klose, servito da Hernanes, scarta Ujkani ma, a porta sguarnita, manda fuori. Ci vuole ancora capitan Rocchi per fare il 3-0: al minuto 72, l’ex Empoli sfrutta un assist di Gonzalez e infila Ujkani. Entra Cissè e prova a farsi perdonare dopo le polemiche in settimana: sfortunato l’attaccate francese che coglie un palo, mentre Klose si vede negare da una parata di Ujkani la gioia del gol. Ma finisce con l’Olimpico in festa e la Lazio che vola, agganciata al gruppetto delle prime.

Edoardo Cozza