Home Televisione

Anticipazioni Uomini e Donne: Cristian, l’amore per Paola spiega il no a Tara

CONDIVIDI

Uomini e Donne, trono blu. La strategia di Cristian Gallella sul suo trono blu alla fine è diventata semplice e lineare come la lettura di un libro di Federico Moccia. Cristian è di quelli che punta a strapazzare la corteggiatrice fino a che non è sicuro al cento per cento del suo reale interesse. Ovviamente è un comportamento che prevede un numero considerevole di danni collaterali. Tra cui l’essere mollati senza tanti complimenti, o in subordine per sfinimento, come è successo con Tara Gabrieletto. La giovane corteggiatrice portata al limite della soppportazione dalla diffidenza del focoso tronista, se dovesse tornare meriterebbe di certo il premio nobel per la pazienza se mai decidessero di istituirne uno. Ma cosa c’è dietro tutta questa titubanza. Semplice. Un nome e un cognome. Paola Frizziero.

Paola Frizziero. Cristian si confessa e parla della sua diffidenza” Lo so, a volte in tv sembro sfacciato, aggressivo, addirittura infastidito. Ma è più forte di me: chiamatelo muro, corazza. chiamate il mio atteggiamento come volete. Ma non voglio soffrire più, anche a costo di sembrare scorbutico. Anche a costo di mettere a dura prova la ragazza che poi ruberà il mio cuore. Ho l’animo ferito e non ho più intenzione di farmi prendere in giro”. Ovviamente il suo cuore ferito deriva dalla sua esperienza come corteggiatore di Paola Frizziero che culminò dopo un lungo tira e molla con un no. Cristian ammette di aver provato dei sentimenti forti per lei. “io ho sofferto davvero tante per quel suo rifiuto. Lo so, uno non dovrebbe lasciarsi travolgere così da una storia che non è mai cominciata, ma per Paola provavo dei sentimenti davvero profondi. Ricordo che, finita la mia avventura da corteggiatore, non riuscivo a togliermela dalla testa, ero disperato. E dicevo tra me e me: ‘Paola è la prima donna che mi ha rifiutato nella vita, e forse è anche la prima di cui mi sono innamorato.” Parole che spiegano tante cose.

Simone Ranucci