Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Arabia Saudita: 500 frustate ad australiano per blasfemia

0
CONDIVIDI

Arresto e condanna – Mansor Almaribe, 45enne australiano, è stato condannato a 500 frustate e un anno di prigione in quanto colpevole di blasfemia, hanno dichiarato oggi le autorità saudite. L’australiano era a Medina, dove si trova la tomba di Maometto, per l’annuale pellegrinaggio rituale. E’ stato arrestato per aver insultato i compagni del Profeta, grave violazione delle leggi sulla blasfemia in vigore in Arabia Saudita. La condanna, emessa martedì, era a due anni, ridotta in seguito ad un anno.

Salute e irregolarità – L’uomo, originario di Shapparton, nello stato di Victoria, soffre di problemi cardiaci e di diabete. I cinque figli sono preoccupati per la sua salute e così anche il ministro degli esteri Kevin Rudd e l’ambasciatore australiano a Riyad, che chiedono clemenza, rifiutando apertamente l’uso di punizioni corporali, come dichiarato dal Dipartimento degli Affari Esteri. Secondo una dichiarazione del figlio Jamal, Almaribe il 14 novembre, giorno dell’arresto, sarebbe stato prelevato dalla polizia religiosa mentre pregava e leggeva assieme agli altri pellegrini; a scatenare l’accaduto potrebbe essere stata la confessione sciita dell’uomo.

Simone Pace