Pacco bomba all’agenzia Equitalia di Roma

Pacco postale – L’ordigno era all’interno di un pacco postale arrivato oggi all’agenzia della zona Cecchignola indirizzato al direttore generale Marco Cuccagna. Ed è stato proprio lui in persona ad aprirlo quando è esploso, mandando in frantumi una scrivania di vetro le cui schegge hanno colpito al viso l’uomo. Nello scoppio è rimasta lesionata anche una falange di un dito della mano, e, trasportato tempestivamente in ospedale dagli uomini del 118, ha subìto un intervento chirurgico.

Probabile matrice anarchica – Secondo gli inquirenti all’origine dell’attentato ci sarebbe una matrice anarchica che sarebbe intenzionata a far proseguire questo genere di episodi anche nei prossimi giorni. E’ di ieri il ritrovamento di un altro pacco bomba destinato al direttore di Deutsche Bank, rivendicato dalla Federazione anarchica informale, che annunciava l’invio di altri tre ordigni.

Massima allerta – Le forze dell’ordine hanno la guardia alzata ai massimi livelli in quanto, in questo caso, non si tratta solo di avvertimenti, bensì di tentativi di provocare danni a persone e cose. Alto lo stato di allerta anche all’estero, poiché potrebbe trattarsi di correnti eversive operanti su tutto il territorio europeo. Unanime la condanna del gesto da parte di tutte le forze politiche come anche le dimostrazioni di solidarietà nei confroni del direttore Cuccagna.

Marta Lock