Home Cultura

10 dicembre: ti offro un caffè, perché sei un essere umano

CONDIVIDI

A Napoli esiste ancora oggi un’usanza che consiste nel pagare un caffè in più quando si va al bar e di lasciare quel caffè in sospeso per qualcuno che arriverà dopo di noi e che, magari, non potrebbe permettersi il lusso di quella tazzina. La giornata di oggi è stata proclamata “Giornata del caffè sospeso” proprio per incentivare le persone a portare avanti l’antico costume partenopeo. La “Rete del Caffè Sospeso” è nata solo lo scorso anno, e non è un caso che abbia scelto proprio il dieci dicembre per dare di nuovo un senso all’usanza della tazzina di caffè omaggio da lasciare al bar per uno sconosciuto qualsiasi.

La Giornata Internazionale dei Diritti Umani – Oggi è anche la Giornata Internazionale dei Diritti Umani. Nel 1948, in questo giorno, venne approvata la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, documento che stabilisce quelli che sono i diritti inalienabili dell’essere umano in quanto tale. « Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza. », recita il celebre primo articolo della Dichiarazione. Si tratta di due righe trite e ritrite, che le nostre orecchie hanno udito così tante volte da far sì che perdessero l’immane senso che posseggono. Eppure non dovrebbe essere così: certi concetti andrebbero assorbiti, bisognerebbe educare lo spirito a determinati dettami, e non far sì che si abitui al loro suono e basta.

Io uomo, tu uomo – Tutti gli esseri umani nascono liberi. La prossima volta che vediamo qualcuno approfittarsi del proprio potere con un suo subordinato, proviamo a ricordargli che quello è un uomo libero, e che non è mai stato il suo schiavo. Tutti gli esseri umani sono eguali in dignità e diritti. Ricordiamocelo quando sentiamo dei tardo adolescenti vigliacchi raccontare agli amici di quando abbassarono il finestrino per prendersi gioco della giovane prostituta che subiva il freddo ancor prima delle loro beffe di mentecatti. Gli esseri umani sono dotati di ragione e coscienza, e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza. Potrà sembrare poco, ma iniziare da un caffè lasciato in sospeso da regalare a un nostro simile è un piccolo passo fatto nella direzione giusta. Un caffè da lasciare in sospeso per un essere umano qualsiasi, che non ci conosce, che non conosciamo, ma che è sicuramente libero, uguale a noi in dignità e diritti, dotato di ragione e coscienza.

M. C.