Scilipoti scomunica il governo e i gay

In una lunga intervista rilasciata a Klaus Davi, l’onorevole Domenico Scilipoti torna a colpire nel segno. Il leader del Movimento di Responsabilità nazionale parla di tutto: dall’omosessualità al “signoraggio bancario”, dalla mafia al nuovo governo. E interpellato sul suo passato di militanza nell’Idv: “Io sono rinato – ha scandito ieratico Scilipoti – e certe cose le ho dimenticate”.

La condanna del governo – A Domenico Scilpoti, si sa, l’esecutivo nominato da Mario Monti non piace. L’ex dipietrista divenuto “responsabile” ha più volte puntato l’indice contro la nuova squadra di governo, espressione – a suo dire – di poteri forti che nulla hanno a che fare con gli interessi della gente comune. “Il governo di Monti è illegittimo – ha detto a colloquio con Klaus Davi – La democrazia è stata sospesa perché il popolo non ha dato consensi su di loro. I membri di questo governo sono espressione di lobby che hanno massacrato il nostro Paese. Molti – ha rincarato Scilipoti – sono legati a governi di sinistra, di cui sono stati punti di riferimento, e sono legati col cordone ombelicale a lobby bancarie molto forti in Italia e in Europa”.

La mafia secondo Scilipoti – E interpellato sulle dichiarazioni di Roberto Saviano, che ha festeggiato per la caduta del governo Berlusconi, prefigurando il ritorno della democrazia in Italia: “Ma Saviano dove vive? – ha osservato il responsabile – E che battaglia sta combattendo? La mafia non è solo quella di Riina e Provenzano, ma è anche quella delle banche che agiscono per mantenere poveri i cittadini”.

I gay? Diversi geneticamente – Ma il meglio di sé, l’ex dipietrista, è riuscito a darlo sui temi extra-politici. “L’atto sessuale tra due uomini non è pensabile né accettabile – ha tuonato Scilipoti – Oltre alla Bibbia, anche la scienza vede che l’omosessuale, dal punto di vista del codice genetico, forse qualcosa di diverso ce l’ha perché viene portato e s’indirizza verso il proprio sesso”. Un “malfunzionamento” che – ha concesso il deputato – può avere delle eccezioni. “Nel 95% dei casi è come dico io, poi c’è il 5% che fa delle scelte per altri motivi, che non ha nessuna alterazione ma prova più gusto ad avere rapporti con persone del suo stesso sesso”.

Maria Saporito