Tommasino, il gatto da dieci milioni di euro

Tommasino, dieci milioni di euro di felino. A 94 anni Assunta si spegne. Non ha più parenti, e la sua vecchiaia l’avrebbe passata forse in solitutdine se non fosse stato per Tommasino. Chi è? Un gatto come tanti, fino a poche ore fa. Un micio che, appena nato, aveva già rischiato di morire. Forse abbandonato da una mano infame, o forse semplicemente figlio di una mamma randagia dal destino ignoto, Tommasino è stato salvato da una donna calabrese, trasferitasi a Roma. La donna pur sola è a dir poco benestante. Due appartamenti, una villa all’Olgiata, terreni, conti correnti bancari a iosa. Il tutto per un valore approssimativo di dieci milioni di euro.

Tommasino piglia tutto. Assunta deve aver amato il suo micio alla follia e, viene da aggiungere, chissà quanto è stata ricambiata da quest’ultimo, se ha deciso di nominare proprio lui come unico erede di tutti i suoi beni. Già, il piccolo peloso ha perso la padrona ma è diventato ricco sfondato. Purtroppo per lui, si accorgerà solo della mancanza della sua benefattrice. Agli animali i soldi non servono, si accontentano, se mai si possa dire così, di un po’ d’amore.

Un applauso agli avvocati. Già, perchè i meriti vanno riconosciuti.  I legali Marco Angelozzi, Anna Orecchioni e Giacinto Canzona, hanno istituito un legato a favore della persona designata dalla defunta, persona che dovrà curare tutti i suoi beni, ma soprattutto il gatto. Assunta aveva dato a loro l’onere (e anche l’onore) di scegliere la persona (fisica o giuridica) migliore per questo compito. I tre  avvocati sono stati letteralmente sommersi  da centinaia di richieste provenienti da tutta Italia. Dopo un anno di estenuanti ricerche, la scelta è ricaduta sull’infermiera professionale personale di Assunta. Stefania erediterà tutto, o meglio, al quale resterà legata per sempre, visto che il suo compito non terminerà nemmeno dopo la morte del micio milionario. Assunta ha infatti specificato che, scomparso  il suo adorato peloso, l’obbligo sarà quello di aiutare altri animali sfortunati. Non sarà un problema per Stefania, visto che lei stessa di quattro zampe dalle vite difficili ne ospita un bel po’ a casa sua. Insomma, le volontà della vecchina milionaria sembrano essere finite in ottime mani.

A.S.