Home Notizie di Calcio e Calciatori

Serie A, Palermo-Cesena 0-1: Mutu regala i tre punti ai romagnoli

0
CONDIVIDI

Palermo-Cesena  0-1  –  Prima o poi doveva succedere. Il Palermo crolla al Barbera dopo sei vittorie consecutive e Devis Mangia deve abbandonare il sogno di eguagliare il record di sette successi di fila stabilito da Delio Rossi. Il Cesena dimostra di attraversare un buon periodo e di non meritare la propria posizione in classifica. Mattatore della serata ancora Adrian Mutu, bravo a battere Benussi al 65’ con un preciso colpo di testa su azione di calcio d’angolo. Non è bastato il cuore dei rosanero, rimasti in inferiorità numerica a metà della ripresa a causa dell’espulsione di Munoz, a raggiungere il pari. Il Cesena, che ha comunque legittimato il risultato andando più volte vicino al raddoppio, si gode questi tre punti e si piazza a sole due lunghezze dalla zona salvezza. Al Palermo resta la sensazione di avere interpretato male una partita che ha evidenziato delle lacune a livello di impostazione di gioco e tanta confusione nel settore nevralgico del campo. Bisognerà ritrovare al più presto gli equilibri smarriti e iniziare a far punti anche in trasferta, a partire dalla difficilissima sfida di domenica prossima al “Massimino” dove  andrà in scena il derby contro il Catania di Montella. Non proprio il massimo per ripartire.

Più Cesena nella prima frazione – La prima azione pericolosa è targata Palermo. All’8′ Miccoli apre sulla destra per Acquah, traversone sul lato opposto per Barreto che prova la botta al volo. Conclusione sporca e facile preda di Ravaglia. All’11 risponde Mutu con un destro dal limite. Passano dieci minuti e il romeno va vicinissimo al vantaggio: sinistro al volo dal limite dell’area e miracolo di Benussi. Subito dopo i bianconeri ripartono in contropiede, palla dentro per Eder che entra in area e scarica un velonoso diagonale. Fuori di un soffio. Ospiti che sfiorano due volte il gol nel giro di 120 secondi. La risposta dei rosanero arriva alla mezz’ora: Miccoli appoggia per Acquah al limite dell’area, destro potente che sfiora l’incrocio dei pali. Benussi, però, continua ad essere il vero protagonista di questo primo tempo. Al 31′ Mutu serve Candreva, destro sul secondo palo e ottima risposta dell’estremo difensore di casa. Al 34′ Mangia si gioca il primo cambio: fuori Bacinovic e dentro Bertolo passando, così, al 4-4-2. Due minuti più tardi il Palermo sfiora il vantaggio con Silvestre in scivolata, ma Ravaglia è bravissimo a salvare il risultato. I padroni di casa sembrano aver cambiato marcia. Al 44′ Miccoli riceve palla da Acquah al limite dell’area, gran botta di sinistro e ancora una pronta risposta di Ravaglia. Si va al riposo sullo 0-0.

 

Mutu-gol – Al rientro dagli spogliatoi il Palermo fatica a rendersi pericoloso. Acquah prende il giallo che lo costringerà a saltare il derby con il Catania. Al 13′ Ghezzal fa partire un cross dalla destra, deviazione di Munoz e palla sulla traversa. Brividi per Mangia. La vera spina nel fianco per i rosanero continua ad essere Mutu: al 17′ conclusione potente e pronta risposta di Benussi, sulla respinta Candreva ci prova di sinistro ma la sfera si spegne sul fondo. Il gol è nell’aria. Due minuti più tardi, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, l’ex giocatore della Fiorentina salta più in alto di tutti e di testa batte Benussi. Quarto centro in maglia bianconera per il romeno. Il Palermo non vuole perdere l’imbattibilità casalinga e si riversa in avanti alla ricerca del pareggio. Al 27′ ottima conclusione di Miccoli da fuori area, Ravaglia è attento e blocca in due tempi. I rosanero però sembrano meno ispirati rispetto al solito, sbagliano troppo in fase di impostazione e rischiano addirittura di subire il raddoppio. Al 37′ Ghezzal salta Balzaretti e serve Bogdani solo a centro area, ma la punta bianconera perde tempo e si fa chiudere dal rientro di Barreto. Occasione sprecata. Finisce 1-0 per il Cesena, che dopo il ko di Torino con la Juve si porta a quota 12 punti in classifica.

 

Giuseppe Ferrara