Anticipazioni Amici 11: Le lacrime di Alessandra Amoroso e la sfida dei blu

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:51

Amici 11, Alessandra Amoroso. Sabato pomeriggio come al solito ricco di colpi di scena sul ring di Amici. La trasmissione condotta da Maria De Filippi ha già dato fuoco alle polveri, anticipando di molto il clima del serale, e le sfide che già da ora sembrano all’ultimo sangue. Insomma una tensione quasi insostenibile per i giovani concorrenti, che di certo farà selezione in vista della fase finale prevista per Aprile. Tensione che spesso si può trasformare in pianti liberatori. Ecco allora che una specialista in cotanta espressione del proprio animo è certamente la cantante Alessandra Amoroso. Lei di certo non è più a caccia del successo. Lei il suo sogno l’ha bello che realizzato. Ed ecco che tornata in trasmissione per presentare il suo album Cinque Passi in più, è scoppiata in lacrime dopo aver visto, insieme al resto del pubblico, il filmato della sua performance sulla scalinata di Trinità dei Monti davanti a ben diecimila persone. Lacrime positive, segno di un’emotività non ancora contorta dai fumi del successo. Lacrime che siamo certi sgorgheranno a catinelle quando tornerà in pianta stabile per la super sfida del serale contro Emma Marrone.

Sfida. Intanto che ci gustiamo l’all star game di Aprile, la sfida tra gialli verdi e blu continua. Questi ultimi sono risultati ultimi e quindi hanno dovuto scegliere i nomi dei due allievi da mandare in sfida. I nomi fatti da cantanti e ballerini capitanati da Luciano Cannito e Mara Maionchi sono quelli della ballerina Francesca Dugarte e della cantante Alessandra Procacci. Ecco allora che subito salta agli occhi come nel clan blu si stia continuando a proteggere i due talenti o presunti tali, Giuseppe e Gerardo. Ora se nel caso di Gerardo la disfida con Grazia Di Michele riguarda proprio una diversa concezione dell’arte, nel caso di Giuseppe la situazione cominica a diventare paradossale. Infatti continua ad essere inspiegabile come il maestro Cannito contesti il banco di Nunzio parlando di voler solo eccellenze nella scuola, quando tra i suoi c’è un’eccellenza così eccellente che non può preparare il kit di prove e ha un team di esperti tutto per lui per aiutarlo a recuparare. Si chiama ipocrisia questa?

Simone Ranucci