Home Spettacolo

“Gli Intoccabili” su La7: balzo in prime time grazie agli ‘intoccabili’ della casta politica

CONDIVIDI

Gli Intoccabili sbarca in prima serata – ‘Gli Intoccabili’, la nuova trasmissione di La7, ha avuto una partenza col botto e si è guadagnata la prima serata. Dopo il successo di ascolti della prima puntata, andata in onda settimana scorsa, il programma giornalistico condotto da Gianluigi Nuzzi approderà da mercoledì prossimo in prime time. La puntata – trasmessa in seconda serata – ha ottenuto un buon 8,85% di share, un risultato superiore a quello registrato la stessa sera dallo speciale di prime time con il direttore Enrico Mentana e Roberto Saviano, dal titolo ‘Bersaglio Mobile’ che si è infatti fermato al 4,28% che, comunque, gli ha fatto da traino. Così, visto l’interesse del pubblico, La7 ha deciso di scommettere da subito sugli Intoccabili, che da settimana prossima si confronteranno con i competitor delle altre reti generaliste in prima serata.

I furbacchioni della casta – Ironia della sorte, a lanciare la trasmissione Gli Intoccabili in prima serata, sono stati proprio gli ‘intoccabili’ per antonomasia qui in Italia, ovvero coloro che appartengono alla casta politica. Mercoledì scorso, infatti, il programma di La7 ha svelato una clamorosa compravendita di voti tra gli scranni di Montecitorio e raccontando dell’esistenza di un partito trasversale formato da parlamentari il cui unico interesse sarebbe quello di incassare il vitalizio parlamentare. Un deputato ha scelto di documentare la vergognosa realtà del Parlamento italiano, prendendo una telecamera, nascosta sotto la cravatta, e recandosi per alcuni giorni alla Camera parlando normalmente con i colleghi e registrando i vari colloqui. Oltre alle numerose riprese, sono state mandate in onda le indagine dei giornalisti del programma condotto da Gianluigi Nuzzi. I video lasciano a bocca aperta i telespettatori: “I corrotti hanno deciso le sorti del Paese, hanno fallito e sono ancora in Parlamento” – queste le parole di un parlamentare che è stato registrato di nascosto e di cui non si conoscono le generalità. All’inizio il parlamentare con la telecamera ha scelto di rimanere anonimo, ma in questi giorni Maurizio Grassano, il deputato di Popolo e Territorio, ha confessato ai microfoni della “Zanzara” su Radio24 di essere lui a parlare. Già svelato era stato invece Antonio Razzi, che nel video ammette di pensare soprattutto ‘ai cazzi propri’ anche in vista del vitalizio da parlamentare.

Maria Rosa Tamborrino