Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Drone americano abbattuto, Iran: Oramai è nostro e ne decripteremo i codici

CONDIVIDI

Iran piglia tutto. Teheran ha fatto sapere ufficialmente di non avere alcuna intenzione a restituire i resti del drone statunitense che lo scorso 4 dicembre fu abbattuto, poiché era entrato senza autorizzazione nello spazio aereo iraniano.
Le richieste ufficiali di Washington sono state così rigettate e la motivazione è presto detta: visto che il drone volava in Iran, adesso è di proprietà del governo di Teheran. Quanta volontà provocatoria ci sia, dietro alla dichiarazione fatta dal ministro della Difesa Ahmad Vahidi, è difficile stabilirlo. Tuttavia è legittimo pensare che la decisione presa dal governo guidato da Mahmud Ahmadinejad ha scopi pragmatici ben precisi, confermati peraltro dal deputato iraniano Parviz Sorouri, del Comitato parlamentare per la sicurezza nazionale.

Decriptazione – Come pubblicato dal Corriere della Sera, Sorouri ha fatto sapere che “gli esperti iraniani stanno ora decrittando i codici del drone, e la prossima tappa sarà costruirne uno uguale”.
Il parlamentare iraniano ha poi aggiunto che “gli ingegneri iraniani proveranno di avere le capacità di produrre autonomamente in serie velivoli di qualità ancora più alta in un prossimo futuro, senza aiuto da Russia e Cina“.
Ancora una volta, dunque, l’Iran coglie l’occasione per lanciare una sfida all’Occidente. Si attende adesso la replica da parte di Washington nei confronti di quello che di certo non è considerato un ‘amico’.

Simone Olivelli