Home Tempi Postmoderni Mistero

Dracula vs Edward Cullen: uno scontro tra vampiri

CONDIVIDI

Edward Cullen, Twilight, Dracula- Una saga che ha catturato l’attenzione di migliaia di fans in tutto il mondo, un vampiro che è entrato nel cuore di moltissime donne. Ma qual’è il fascino di Edward Cullen, il personaggio di Twilight? E cosa lo differenzia dal suo antenato Dracula? Certamente questa figura così diabolica, a cavallo tra la vita e la morte, continua ancora oggi ad esercitare il suo fascino intramontabile. Ma iniziamo dal precursore (anche cinematografico), padre di tutti i vampiri, Dracula. Un personaggio spesso identificato con il nobile del 1400 Vlad III di Valacchia, governatore della regione a Sud della Transilvania, passato alla storia come Draculea, ossia “figlio di Dragone” (visto che suo padre apparteneva a quell’Ordine). Ma la radice “drac” significa anche “demonio“, per cui lo si può ragionevolmente definire “figlio del demonio“.

Dracula, tra realtà e leggenda- Di Vlad III rimane una descrizione di papa Pio II che lo tratteggia come “bello, alto e forte, nato per comandare gli eserciti; ma anche un grande intellettuale, legato alla tradizione esoterica, all’alchimia, all’evocazione degli spiriti“. Insomma una figura di sicuro appeal, anche per il mistero che lo circondava. E forse in virtù di ciò l’irlandese Bram Stoker, che lo portò al successo con il suo romanzo gotico, fece della categoria femminile la facile preda del succhiatore di sangue. In realtà, in tutto il mondo, centinaia di leggende narrano di strane entità, spesso anche femminili, che si nutrono di sangue umano. Assimilabili a divinità negative, questi esseri erano temuti dai comuni mortali soprattutto di notte, perchè solo avvolti nelle tenebre potevano agire.

Edward Cullen- Il bel vampiro di Twilight sicuramente ha in comune con il suo predecessore la bellezza, l’enigmatico magnetismo e la naturale attrazione che esercita sulle donne. Ma lui e gli altri della famiglia Cullen hanno una particolarità: sono “vegetariani” nel senso che si cibano solo di sangue animale e non umano. Anche loro sono contraddistinti da pallore ma la loro pelle, al contatto con la luce, non si polverizza come quelle dei vampiri leggendari, ma emana una particolare brillantezza. Inoltre Edward ha il potere di leggere il pensiero ed è dotato di una vista molto acuta e di un’incredibile velocità che gli permette di anticipare le mosse dell’avversario. Insomma, i tempi cambiano ma l’attrazione, fisica e misteriosa, esercitata dai vampiri resta.

C. M.