Europa League, Lazio-Sporting Lisbona 2-0: Kozak e Sculli, biancocelesti qualificati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:28

Lazio-Sporting Lisbona 2-0 – La Lazio batte lo Sporting Lisbona per 2-0 e si qualifica alla fase finale dell’Europa League. Complice anche la vittoria dello Zurigo contro il Vaslui, i biancocelesti passano il turno e aumentano la consapevolezza nei propri mezzi. A Mediaset Premium, Edy Reja sottolinea il merito dei suoi: “Ce l’abbiamo messa tutta all’inizio per segnare ma non ce l’abbiamo fatta. Per fortuna poi è arrivato il gol a tutto è stato più semplice. Ci siamo qualificati perché l’abbiamo meritato“. Protagonisti principali della serata sono stati Kozak e Sculli, autori delle due reti.

Ultimi minuti – Il primo tempo comincia in modo tutto sommato equilibrato, con la Lazio che prova a far la partita e gli ospiti che cercano di rispondere: tuttavia la costante, da una parte come dall’altra, è la scarsa capacità di finalizzare l’azione. Infatti per vedere una prima occasione bisogna attendere il 19′, quando Sculli non crede di poter arrivare su un cross di Cissè e manca l’appuntamento col pallone. Pochi minuti dopo è ancora Sculli a rendersi pericoloso, ma Pereirinha chiude in extremis. A soli 3 minuti dallo scadere del tempo regolamentare, Kozak è abilissimo a sfruttare un traversone di Lulic e ad insaccare di testa la rete del vantaggio. Si va quindi a riposo sull’1-0.

Sottogamba – Nella seconda frazione di gioco la Lazio rientra in campo come se avesse la qualificazione già in tasca, tant’è che lo Sporting prende coraggio e va vicino al pareggio dopo soli 2′ con Bojinov, che trova un Bizzarri attento. Ci prova poi Andrè Santos, ma il suo tiro termina alto. La Lazio trova il raddoppio nel momento in cui probabilmente meno lo meritava: Diakitè riesce a servire Sculli in area e l’ex Genoa mette il sigillo definitivo sul risultato. La botta è troppo forte per gli ospiti e la Lazio va vicina alla terza rete in un paio d’occasioni. Prima del triplice fischio c’è gloria anche per Bizzarri, che si esalta su calcio di punizione di Bojinov.

Alberto Ducci