Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo Nave intrappolata nel ghiaccio: nessun soccorso e continua a imbarcare acqua

Nave intrappolata nel ghiaccio: nessun soccorso e continua a imbarcare acqua

Trentadue marinai della nave Sparta sono rimasti bloccati nelle gelide acque dell’Antartide dopo aver urtato un iceberg. E’ accaduto giovedì pomeriggio quando la nave russa si è arenata nel lontano mare di Ross a oltre 3.500 km dalla Nuova Zelanda. Da quel momento è una corsa contro il tempo per liberare la nave dai ghiacci, mentre i marinai fanno di tutto per evitare che l’imbarcazione affondi prima dell’arrivo dei soccorsi.

Impossibilitati i soccorsi – Un aereo C130 Hercules neozelandese ha subito raggiunto l’imbarcazione senza però riuscire ad evacuare l’equipaggio che dovrà aspettare almeno altri cinque giorni per essere riportati sulla terra ferma. Le avverse condizioni del mare e la lentezza per tagliare il ghiaccio che li intrappola hanno impossibilitato una veloce missione di salvataggio. La nave gemella di Sparta Chiyo Maru No 3 nonostante sia a meno di 300 miglia nautiche di distanza, non riesce a tagliare il ghiaccio marino, mentre un altro peschereccio norvegese è a sole 20 miglia, ma è completamente circondato dal ghiaccio e non può muoversi.

La nave continua ad imbarcare acqua – La nave intanto continua ad imbarcare acqua a causa di un foro di 30 cm causato dall’impatto con un grande blocco di ghiaccio. L’equipaggio lavora continuamente per aspirare più acqua possibile dall’imbarcazione e far rimanere il foro sopra il livello del mare. L’unica speranza per i marinai russi sembra essere l’arrivo della nave taglia ghiaccio neozelandese Sun Aspiring che però impiegherà almeno cinque giorni prima di raggiungere l’equipaggio

 

Michela Santini