Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo Siria, arriverrano gli osservatori della Lega Araba: oggi la firma del protocollo

Siria, arriverrano gli osservatori della Lega Araba: oggi la firma del protocollo

Dopo tante pressioni e minacce di sanzioni, il governo di Damasco dovrebbe aver ceduto alla richiesta di invio di osservatori internazionali in Siria. Il protocollo, secondo un anonimo funzionario della Lega Araba, verrà firmato questo pomeriggio al Cairo dal vice ministro siriano degli esteri Faisal al Maqdad.
La proposta era stata già avanzata all’inizio del mese scorso ma non si era mai giunti a un accordo, al punto che l’organizzazione internazionale aveva deciso di sospendere il governo guidato dal presidente Bashar al-Assad.
In Siria, come ormai risaputo, dallo scorso marzo va avanti una repressione sanguinosa delle manifestazioni di proteste che sono nate sulla scia di quelle che hanno caratterizzato numerosi paesi nordafricani, Tunisia ed Egitto su tutti. Gli scontri tra le forze di sicurezza leali ad Assad avrebbero e i manifestanti, stando alle stime fornite dalle Nazioni Unite, avrebbero portato all’uccisione di più di cinquemila persone, la maggior parte dei quali appartenente alla fazione dei ‘ribelli’.

Isolamento – L’invio di emissari internazionali all’interno del Paese potrebbe essere un primo passo verso una collaborazione da attuare con la comunità internazionale, con l’obiettivo di raggiungere una soluzione condivisa dalle parti in campo. Con il passare dei mesi e l’aumentare delle violenze, infatti, attorno alla Siria si è creato un vuoto diplomatico al punto che Assad, nel tentativo di difendere le azioni del proprio governo, ha accusato l’Occidente di ordire un piano per rovesciare il proprio governo.
Ultimamente a venire meno, anche se solo in parte, è stato l’appoggio della Russia, tradizionale alleato di Damasco: da Mosca infatti è stata avanzata, negli scorsi giorni, la proposta di una risoluzione dell’Onu che condannerebbe in egual misura le violenze del regime e quelle dei ribelli.

S. O.