Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo Filippine, Il presidente proclama lo stato di calamità

Filippine, Il presidente proclama lo stato di calamità

L’urano Washi- Il presidente delle Filippine Benigno Aquino ha dichiarato oggi lo stato di calamità per il Paese, travolto dalla furia dell‘uragano Washi che- secondo l’ultimo bilancio- si è portato via la vita di circa mille persone. L’uragano, che ha colpito soprattutto le città di Cagayan de Oro e Iligan -dove si concentrano quasi il 90 per cento delle vittime- ha lasciato anche circa 43mila persone senza casa.

Scene da apocalissi – Aver dichiarato lo stato di emergenza permetterà allo stato filippino di attingere ad un bacino più ampio di fondi per i soccorsi e la ricostruzione. Soccorsi che si rendono ogni minuto più urgenti.Le pesanti pioggi che si sono abbattute sul Paese durante il fine settimana hanno infatti provocato smottamenti ed enormi fiumi di fango che hanno sommesso l’isola di Mindanao, che è una delle zone più povere del Paese. Nelle due città più colpite, Cagayan de Oro e Iligan, le autorità hanno dovuto provvedere a seppellire i cadaveri in fosse comuni per scongiurare il pericolo epidemie. I rappresentanti delle organizzazioni governative presenti sull’isola hanno denunciato anche le condizioni in cui vivono gli sfollati nei centri di accoglienza di emergenza dove il cibo scarseggia, e non ci sono né acqua, né medicine.
Annastella Palasciano