Natale in tavola, Abruzzo: i calcionetti

Natale in tavola, Abruzzo: i calcionetti. Un nome insolito per sfiziosi dolcetti casalinghi e natalizi tipici dell’Abruzzo, ma soprattutto più rappresentativi della provincia di Teramo. I calcionetti o caggionetti derivano dal dialetto ‘li caggntt’ e con la loro forma paffuta, come quella di Babbo Natale, e con il loro ripieno ricco rendono più felici le Feste. Come tradizione vuole devono essere preparati in grande quantità perché vanno distribuiti ad amici, parenti e vicini di casa oltre che serviti in tavola. Della ricetta esistono numerose varianti, come quella presentata qui sotto, ma tradizione vuole che quella teramana sia con la marmellata d’uva che è uno dei più tipici prodotti abruzzesi.

Ingredienti e costi. Per la pasta servono: 500 gr di farina, un cucchiaio di olio extra vergine d’oliva, 2 cucchiai di vino bianco, sale quanto basta. Per il ripieno: 300 castagne spellate, miele, 1 cucchiaio cioccolato in polvere/ o marmellata d’uva, cannella,150 grammi di mandorle sgusciate,40 grammi cedro candito, la raschiatura di buccia d’arancia, del caffè macinato, un bicchierino di rhum. Sul dolce finito andrà poi spolverato dello zucchero a velo. Il tutto a basso costo: una decina di euro circa, prezzo che rende la ricetta alla portata di tutte le tasche.

Preparazione. Per preparare la pasta: impastare farina, olio extravergine d’oliva, vino e un pizzico di sale. Lavorare bene l’impasto in modo da ottenere qualcosa di elastico e poi lasciar riposare il tutto prima di stenderlo con il mattarello  in modo da ottenere una sfoglia ben sottile. Per il ripieno: dopo aver fatto bollire le castagne le si riducono in poltiglia insieme alle mandorle tostate in forno preriscaldato a 200 °, il cioccolato o la marmellata, il miele, la cannella, il cedro candido a cubetti, la scorza d`arancia grattugiata, un bicchierino di rhum ed il caffè macinato. L’impasto che si ottiene va lasciato riposare in luogo fresco per circa due ore e nel mentre si può procedere a tagliare la sfoglia in piccoli cerchi da 8 cm di diametro. Ripreso il ripieno lo si pone, con l’aiuto di un cucchiaio, al centro del cerchietto di pasta, si richiudono i lembi, premendo bene per evitare che si aprano durante la frittura, e si buttano i dolcetti in un tegame pieno d’olio per friggere.  I calcionetti vanno serviti freddi, asciugati dall’olio tramite carta assorbente, e spolverati con lo zucchero a velo.

Alessandra Solmi