Natale in tavola, Campania: gli struffoli

La tradizione degli struffoli. Gli struffoli sono un dolce natalizio tipico della tradizione campana, diffusissimo in tutta l’Italia meridionale dove in ciascuna regione prende nomi diversi. Immancabili sulla tavola di Natale in tutte le loro forme: a ghirlanda, a mucchietto, a forma di cuore, le piccole palline di pasta dolce fritte, bagnate nel miele e decorate con i confettini colorati possono essere messe nella forma che più piace o che meglio rispecchia la tradizione. Il nome struffoli sembra che derivi da una parola greca strongoulos ovvero dalla forma arrotondata. In passato gli struffoli venivano preparati nei conventi dalle suore e poi dati in dono a Natale alle famiglie nobili per ringraziarle delle loro azioni di carità.

Ingredienti e preparazione. Vediamo innanzitutto cosa occorre per prepararli: 400 g di farina, 3 uova intere e un tuorlo, 40g di zucchero, un pizzico di sale, un pizzico di bicarbonato, 60 g di burro, la scorza grattugiata di ½ limone e ½ arancia, ½ bicchierino di limoncello o di anice, olio di arachide per friggere. Per la copertura: 30 g di arance candite, 30 g di cedro candito, 30 g di zucca candita, una confezione di piccoli confetti colorati o codette, 350 g di miele millefiori.

Disponete a fontana la farina e al centro aggiungete le uova, il burro, lo zucchero, il limoncello, la scorza grattugiata degli agrumi, il sale e il bicarbonato (quest’ultimo serve per gonfiare un po’ i vostri struffoli. Impastate tutto molto bene fino a quando non avrete ottenuto una pasta omogenea e compatta. Date al vostro impasto la forma di una palla e fatelo riposare coperto da un canovaccio per un’ora circa. Dopo il riposo lavorate ancora per un po’ e poi dividete l’impasto in tanti bastoncini spessi meno di un dito. Tagliate i bastoncini a pezzetti piccoli e disponeteli su un telo senza sovrapporli. Scaldate l’olio e friggete gli struffoli  un po’ alla volta. Sgocciolateli dall’olio e fateli raffreddare su carta assorbente. Sciogliete il miele in una pentola capiente e non appena sarà liquefatto spegnete il fuoco e aggiungete gli struffoli mescolando delicatamente fino a quando non si saranno completamente impregnati. Versate nella pentola anche i confetti e la frutta candita a pezzetti. U un piatto di portata disponete gli struffoli a corona o a monticello e distribuite ancora un po’ di codette e frutta candita.

Caterina Cariello