Natale in tavola, Sardegna: i culurgiones

Natale in tavola, Sardegna: i culurgiones – La splendida Sardegna, possiede delle tradizioni in ambito culinario capaci di deliziare il palato tanto quanto il suo mare cristallino diletta gli occhi di turisti, viaggiatori e abitanti del posto. Il piatto delle feste per antonomasia, nella meravigliosa isola, sono dei ravioli ripieni che prendono il nome di culurgiones. Non sono difficili da preparare, e sono squisiti.

Ingredienti – Gli ingredienti di cui si necessita per preparare i culurgiones, sono facili da reperire. Per prepararne a sufficienza da nutrire sei persone, bisogna avere in casa: 500 gr.di farina di semola, 40 gr. di burro, 600 gr. di pecorino fresco, 300 gr. di spinaci e bietole, 3 uova, un cucchiaio di farina “00”, zafferano, noce moscata, sale e pepe.

Preparazione – Si impasti su un piano la farina con acqua, metà del burro e sale. Quando il composto ottenuto sarà compatto, bisognerà lasciarlo riposare sotto un panno. Nel mentre, bisogna lessare e tagliuzzare bietole e spinaci e saltarli, poi, in padella col burro. Alla verdura vanno aggiunti, a freddo, pecorino, uova, farina, sale, pepe, zafferano e noce moscato. Quando la pasta per la sfoglia avrà riposato abbastanza, bisognerà stenderla con un mattarello. A questo punto si potrà tagliare dei cerchi nella sfoglia e riempirli con l’impasto di cui sopra. I ravioli devono essere chiusi pizzicandone i bordi, quasi a voler dare loro la forma di una spiga. Dopo un riposo lungo una notte, i culurgiones saranno pronti per essere bolliti e, poi, conditi con pomodoro e pecorino.

M.C.

(si ringraziano il sito www.gingerandtomato.com ed il sito www.culurgiones.it )