Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Politica Liberalizzazioni e agevolazioni fiscali. La fase due descritta da Monti

Liberalizzazioni e agevolazioni fiscali. La fase due descritta da Monti

La soddisfazione di Monti – Dopo tante polemiche, consultazioni, incontri con i partiti, e dopo il voto della Camera, la manovra salva Italia è legge. Il primo obiettivo, descritto come fondamentale dal governo, è stato raggiunto con il voto di fiducia di ieri al Senato, dove il governo ha incassato 257 sì e 41 contrari.
Mi pare di capire che il decreto legge è definitivamente approvato. Ne sono lieto“, ha detto Mario Monti subito dopo il voto dei Senatori.

La fase due – Il governo, ha fatto sapere Monti, è già al lavoro per portare avanti una nuova fase politica, fatta di interventi per risollevare la crescita, questione divenuta cruciale dall’inizio della crisi economica: “La fase due è già cominciata, era dentro la fase uno. Adesso verrà sviluppata a grande velocità. Resta da fare un lavoro enorme per liberare l’economia italiana dai freni, opera che il governo realizzerà in parte, con l’aiuto del Parlamento“.
Gli obiettivi dunque ora restano due, dice Monti: “Occorre passare a una fase organica di riforme di cui abbiamo già messo semi, come ad per esempio in tema liberalizzazioni. Voglio affermare che il governo lavorerà con attenzione su tutti i suggerimenti, anche provenienti da studi autorevoli. Quindi, liberalizzazioni, ma anche agevolazioni fiscali a famiglie e imprese“.
Il compito del governo, secondo Monti, è “preparare un’Italia migliore per i nostri figli e credere nelle loro capacità di renderla ancora migliore“, e quindi tornare a crescere: “Per superare la crisi è essenziale la credibilità del sistema Paese ed è essenziale che la nostra economia torni a crescere. I sacrifici chiesti sono significativi, ma molto inferiori a quelli che avremmo dovuto sopportare senza questa azione di risanamento. Ed è anche essenziale che gli italiani sottoscrivano Bot e Btp e che tutti guardino con fiducia ai nostri titoli, le cui rendite sono oggi elevatissime. Occorre che abbiamo fiducia in noi stessi”.

Matteo Oliviero