Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca Dispersione scolastica, 118 genitori denunciati

Dispersione scolastica, 118 genitori denunciati

Dispersione scolastica – L’indagine condotta dai carabinieri della Compagnia di Lamezia Terme in collaborazione con i servizi sociali assieme ai dirigenti scolastici degli istituti di Lamezia Terme, Feroleto Antico, Pianopoli, Falerna e Nocera Terinese ha permesso di individuare e denunciare 118 persone, genitori di giovani in età dell’obbligo di formazione, che non mandavano i figli a scuola. La dispersione scolastica locale registrata in quest’ultimo anno scolastico (2011-2012) riguarda per l’85 percento famiglie di etnia rom stanziatesi stabilmente sul territorio lamentino, per il 10 percento famiglie marocchine e per il 5 percento italiani del posto.

Rischio criminalità – Simili inchieste condotte nei passati anni scolastici avevano portato a risultati purtroppo molto simili: 114 i genitori arrestati nel 2010-2011 per non avere permesso ai figli di esercitare il diritto allo studio, 95 nel 2009-2010 e ben 156 nel 2008-2009. Senza contare il fatto che questi giovani, sottratti dal mondo dell’istruzione e molto spesso testimoni di situazioni famigliari precarie, hanno maggiori probabilità di entrare nella spirale della criminalità. Ogni anno sono numerose le denunce sporte nei confronti di minori che si sono macchiati di reati come l’aggressione o lo spaccio di stupefacenti. Ci sono poi altri ragazzi, ancor meno fortunati, che finiscono vittima degli stessi genitori che li obbligano alla pratica dell’accattonaggio. Per queste ragioni, l’Arma si impegna a fondo cercando di “impedire che ai minori sia negato il diritto ad un’infanzia fatta di gioco e di crescita dignitosa all’insegna dell’istruzione o che vengano sfruttati e siano preda della criminalità”.

Irene Lorenzni