Natale in tavola, Piemonte: insalata di carne cruda all’albese

Natale in tavola, Piemonte: insalata di carne cruda all’albese. Nella trazione piemontese vi è l’insalata di carne cruda all’albese. Un piatto molto simile alla tartare che può essere mangiato tutto l’anno, ma che è usato soprattutto durante il periodo delle feste, anche se molti preferiscono evitarlo perché spaventanti dai rischi della carne cruda. La ricetta è originaria della provincia di Alba, si è tramandata in tutta la regione e ha preso sempre più piede perché la carne cruda è un classico in Piemonte. Per un’ottima riuscita occorre avere un taglio giusto di carne, rigorosamente a coltello, i più dicono che i batteri non amino questa lama, carne che deve essere magra e priva di tessuti connettivi e soprattutto occorre che la si faccia macerare per bene nel limone in quanto anche questo passaggio serve ad uccidere i batteri.

Ingredienti e costi. Per 4 persone servono: 400 grammi di polpa di manzo, mezzo spicchio d’aglio, 1 limone, olio, sale e pepe quanto basta, se presente tartufo bianco d’Alba da tagliare a scaglie sottili.  Ricetta facile da costo medio. Se vi si aggiunge il tartufo bianco il costo lievita parecchio.

Preparazione. In primis si procederà a tagliare con il coltello affilato la carne in modo da ottenere la grana desiderata. Subito dopo si passerà a spalmare l’aglio all’interno della terrina scelta per servire la carne. In un’altra terrina bisognerà mescolare i succo del limone, filtrato dai semi, l’olio e il sale. La carne andrà quindi messa nella terrina cosparsa d’aglio e subito sopra andrà messa la salsa di limone appena preparata. Il piatto può essere arricchito da foglie di radicchio, insalata verde o, quando presente in commercio, spicchi di tartufo bianco d’Alba. Alcuni preferiscono che la carne sia preparata e servita sul momento in quanto il limone tende a cuocerla e a farle perdere il colore rosato naturale. Altri, invece, preferiscono, per via dei batteri, far macerare per una decina di minuti la carne del frigo con il limone.

Alessandra Solmi