Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Politica Monti e Napolitano denunciati per alto tradimento

Monti e Napolitano denunciati per alto tradimento

Una denuncia per “alto tradimento”. E’ questo il regalo di Natale che alcuni cittadini dell’hinterland romano hanno riservato al Capo dello Stato Giorgio Napolitano, al Presidente del Consiglio Mario Monti ed altri noti personaggi del mondo politico ed economico del Paese; motivo del gesto, come spiegato dai diretti interessati ai carabinieri perplessi della Stazione di Roma Parioli, le forzature “tecnocratiche” nella gestione della crisi che avrebbero, di fatto, “tradito” il mandato democratico.

Il video della denuncia – Giorgio Vitali, giornalista, Casimiro Corsi, impiegato, Giovanni Zurlo, pensionato, David Rorro, operaio e Orazio Fergnani, agente di commercio e “leader” del gruppo che ha presentato la denuncia, hanno voluto pubblicizzare il loro gesto facendosi riprendere, all’uscita dalla stazione dei Carabinieri, dalle telecamere amatoriali di “YouReporter”.
Nelle riprese, Fergnani spiega di aver denunciato l’illegittimità dei provvedimenti assunti dall’establishment nazionale nei confronti della banche, “che vanno bene quando guadagnano e poi vanno aiutate quando sono in crisi”, dell’IMU, “un aborto giuridico”, su cui pesano anche gli oltre 3 milioni di pignoramenti degli ultimi anni, e delle pensioni, “per cui si sono cancellate lotte sindacali, politiche e operaie storiche in tre secondi […] cancellando il ‘contratto’ fatto con i cittadini che hanno lavorato una vita per raggiungere la pensione ad una determinata età”.

Alba Mediterranea – Orazio Fergnani, che già era intervenuto su queste tematiche in una recente puntata del programma di Santoro “Servizio Pubblico”, è anche presidente dell’associazione “Alba Mediterranea”, fondata nel luglio scorso a Roma.
L’associazione, in un mix di complottismo mondiale e simpatia per i movimenti di liberazione nazionale sudamericana, aspira, come si legge nel sito ufficiale, a riprendere la battaglia politica “contro “il “regime” che aveva preso piede dalla sconfitta della 2° guerra mondiale  e che aveva come fondamento l’aborto giuridico chiamata “Costituzione” che altro non è se non la formalizzazione giuridica della spartizione della morale della Nazione da parte delle tre coalizioni “vincenti”.
Sempre sul sito, per chi è interessato, si può trovare il testo integrale della denuncia a Monti, Draghi, Napolitano e C., depositata per la vigilia di Natale.

Mattia Nesti

Comments are closed.